Lunedì 26/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:16
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narnese: ritorno di Coppa ad Orvieto, al "Muzi" basta anche un pari per passare il turno, intanto la società è ancora sul mercato
Ultima domenica di vigilia di campionato per la Narnese chiamata ad affrontare il retour match di Coppa Italia contro l'Orvietana già battuta al San Giorolamo. La qualificazione pare in tasca ma Ciccio Schenardi evoca fantasmi rossoneri per scacciare il pericolo deconcentrazione:"Qualificazione certa? Di certo nel calcio non c'è nulla: già ci siamo dimenticati Istanbul?" Detto che ad Orvieto la Narnese sarà pressoché identica rispetto a quella di sette giorni fa (Taddei, Cavalieri, Proietti, Carta, Brozzetti, Botta, Schenardi, Raggi, De Angelis, Silveri, Prosperini) con il rientro di Botta in difesa, tiene banco la questione: sarà proprio questa la Narnese che affronterà il difficile girone umbro-tosco-ligure? A sentire Schenardi e Gubbiotti pare di no. "Chiariamo innanzitutto - dice Schenardi- che i ragazzi che sono qui da due mesi stanno lavorando alacremente. Il fatto è che la Narnese che avevo ed ho in mente non è quella di oggi. Credo ci manchi un pò di qualità ed esperienza". In arrivo giocatori dunque e magari dei tagli? "Stiamo guardandoci intorno. Di certo non cambieremo tanto per cambiare: se troveremo 1-2 rinforzi veri bene, altrimenti resteremo così". Dello stesso avviso la società :"Ha ragione Marco " interviene Moreno Gubbiotti- ci manca qualcosa. Se riusciremo ad individuare gente che ci possa far fare il salto di qualità non esiteremo a metterci le mani". Ultimo quesito: individuati i rinforzi giusti, la rosa verrà rimpolpata o ci sarà anche qualche taglio illustre? A sorpresa non è il presidente a rispondere ma l'allenatore che, evidentemente, lavora di tecnico-manager, da uomo di società insomma:"Bisogna vedere, l'ideale sarebbe aggiungere soltanto ma se, per problemi di bilancio questo non sarà possibile, ci metteremo a tavolino e decideremo con serenità certo ma anche con determinazione". Insomma l'importante è il destino della Narnese sia a livello tecnico che societario, il resto passa in secondo ordine.
Fabrizio Chiani
4/9/2005 ore 5:39
Torna su