Domenica 22/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narnese: nascono buoni propositi dall'assemblea tra sindaco, dirigenti e tifosi rossoblù
“La Narnese vince ed è in testa al campionato perché Giuliano Cioci fa gol, perché Marco Schenardi fa gol, perché i ragazzi sui quali la società ha puntato stanno rispondendo alla grande. Non vince perché i propri tifosi intimoriscono arbitri e avversari”. Le parole quasi urlate del presidente Paolo Garofoli hanno echeggiato all’interno della stupenda sala Consigliare del Comune di Narni gremita da tifosi, autorità e dirigenti rossoblù e che hanno applaudito convinti. E’ successo durante l’annunciato incontro voluto da tutti per chiarire i fatti di Narnese Bastia e per darsi un codice di autodisciplina. “Narni non è un mostro ma una delle città più importanti, più belle e civili dell’Umbria – ha poi dichiarato il Sindaco Stefano Bigaroni- non dobbiamo più commettere atti che ne possano offuscare l’immagine”. I tifosi dal canto loro hanno accettato quella che comunque è stata una reprimenda, ma non hanno mancato di dire la loro. “Qualcuno di noi ha sbagliato, ma non accettiamo che vengano dette cose assolutamente inesistenti: quella del lancio di escrementi è una frottola vergognosa!”. “E poi, perché al Bastia non è stata data neppure una multa (è arrivata oggi per la gara contro l’Arrone n.d.r.)? E di come siamo stati trattati a Ponte San Giovanni, a Città di Castello, e domenica scorsa a Massa Martana?”. Paolo Garofoli ha risposto prontamente: “A noi non deve interessare quello che fanno gli altri, l’unica reazione a questi fatti è una: fargli due “pere” e tutti a casa! Niente lanci di oggetti, niente petardi, niente sputi: ragazzi se vogliamo crescere e vincere il campionato dobbiamo contenerci”. Non è mancato neppure l’intervento di Marco Schenardi che ha chiesto “un tifo a favore e non contro. Sono rimasto a Narni perché , vi confesso, quando entro in quello stadio mi vengono ancora i brividi” E detto da uno che ha calcato stadi di serie A e B per vent’anni è tutto dire. Insomma, Sindaco e Assessore allo Sport, dirigenti e allenatore nel plaudire l’attaccamento della tifoseria alla squadra chiede un tifo corretto per raggiungere insieme traguardi che mancano ormai da troppo tempo alla Narni sportiva. (G.C.)

3/12/2004 ore 15:24
Torna su