Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:07
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Ternana va a Napoli con la voglia di riscattare la brutta prestazione fornita contro l'Ascoli
Impegno tutt’altro che facile quello che dovrà affrontare la Ternana giovedì 20 novembre. La partita con il Napoli infatti è uno di quei match che nasconde insidie pericolose. Apparentemente per i rossoverdi non dovrebbero esserci troppi problemi: i partenopi hanno appena cambiato allenatore sostituendo Agostinelli con l’esperto Gigi Simoni. Il nuovo tecnico però si è trovato ad affrontare uno strepitoso Palermo che gli ha rifilato un 4-0 secco. L’unica nota a favore del Napoli è il ritorno al San Paolo, davanti ai propri tifosi. Lo sa bene Massimiliano Esposito cosa significhi giocare davanti ai tifosi azzurri: “Sono tornato due o tre volte a Napoli da avversario e fa sempre uno strano effetto. Comunque sono convinto che ad inizio partita loro avranno tutto lo stadio a sostenerli ma se riusciremo ad imporre il nostro gioco, controllando le “sfuriate” dei primi minuti, forse trasformeremo il loro tifo in qualcos’altro.” Napoli non è certo uno degli ambienti più tranquilli e basta poco per trasformare i cori in fischi. Sostenitori a parte è una partita che non va sottovalutata come d'altronde nessun altro incontro in serie B visto il risultato di domenica. “Quella con il Napoli è un’altra partita difficile-conferma Beretta - anche se fino ad ora non sono riusciti a fare molto hanno alcuni buoni giocatori. E’ una squadra che ha le carte in regola e potrà recuperare nel corso del campionato.” Ormai la partita con l’Ascoli è archiviata ed anzi Beretta consiglia di guardare il lato positivo di quel pareggio: “Siamo riusciti a conquistare un punto quando rischiavamo di perdere, è questo quello che conta. Non ci lasciamo condizionare da quella prestazione, è stata una giornata negativa e basta.” Certo è che il pareggio ha lasciato l’amaro in bocca a molti ma una giornata storta della squadra può esserci, soprattutto in un campionato così lungo. “Può capitare una domenica storta per tutta la squadra- continua Esposito- visti anche i numerosi impegni di questa stagione. Mancano tante partite e c’è tutto il tempo per recuperare ed anzi penso che la partita con il Napoli sia un’ottima occasione per far dimenticare la prestazione di domenica.”
Eleonora Bisaccioni
19/11/2003 ore 0:58
Torna su