Sabato 21/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:23
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Narnese Juniores batte anche l'Ascoli (2 a 1) e fa un passo avanti verso lo scudetto
NARNESE: Santori, Bianconi, Francioli, Di Domenico Daniele (15 st Bevilacqua), Leonardi, Di Domenico Simone, Russo (28 st Quondam), Silvestri, Carotti, Raggi, Negro (42 st Feliziani). All: Di Domenico Mauro.
JRVS ASCOLI: Cagnoni, Cerbone, Valente, Giancaterino, Petracci, Romanelli, Giorni (28 st Angelin), Rossi, Perrozzi (18 st Capponi), Felicetti, Luzzi. All: Bianchini
Arbitro: Gambini di Roma
Reti: 40 pt Giancaterino (A), 20 st e 32 st Negro (n)
Il match di andata della primo spareggio per il titolo nazionale juniores tra la squadre campione di Umbria e Marche è andato alla Narnese che ha battuto i marchigiani dell’JRVS Ascoli passati inaspettatamente in vantaggio allo scadere del primo tempo. Ma non ci si deve far ingannare dal tabellino finale perché la vittoria dei rossoblù di “Marcellino” Di Domenico è stata nel gioco e nelle occasioni molto più netta. I marchigiani infatti al di là del gol e di un’occasionissima in contropiede al novantesimo sprecata da Rossi, hanno subìto costantemente l’iniziativa dei padroni di casa che, soprattutto dopo l’ingresso in campo di Quondam e Bevilacqua hanno dominato in largo e in lungo. Oltre alla doppietta di Negro infatti all’attivo della Narnese c’è un clamoroso palo colpito dal capitano Silvestri e due palle gol pulitissime fallite da Raggi e Negro. Sabato prossimo ad Ascoli il return-match quando sarà estremamente difficile difendere il risultato ottenuto al "San Girolamo". E’ auspicabile che il mister metta da parte il cuore (fin qui ha fatto giocare i rinforzi della prima squadra solo a tratti) e schieri un undici "tosto"; oltre ai Quondam i Bevilacqua e i Raggi, potranno essere in campo anche Piteri , Sbrenna e Faustini. L’anno scorso lo scudetto di categoria se lo aggiudico una squadra umbra, lo splendido Cannara di Felicini. Perché non provarci?

Fabrizio Chiani
18/5/2003 ore 14:53
Torna su