Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Guardia di Finanza di Terni ha comunicato i dati relativi al lavoro svolto nel 2005 dal Comando Provinciale
La Guardia di Finanza di Terni, durante il 2005, sulla base degli orientamenti dell’autorità di Governo, ha concentrato il proprio impegno su molteplici settori di servizio. In particolare nel campo tributario sono stati eseguiti 1.804 controlli che hanno portato alla scoperta dei seguenti tributi evasi: Iva relativa per € 4.338.759,83; Iva dovuta per € 3.913.421,62; Iva non versata per € 1.520.475,67; elementi positivi di reddito per € 23.971.169,28; elementi negativi di reddito per € 4.719.384,14; ritenute Irpef per € 1.078.786,32. Particolarmente incisiva è stata la lotta all’economia sommersa che è uno dei fenomeni dai devastanti effetti che causa una riduzione generalizzata del gettito erariale in maniera esponenziale, influendo nelle regole della concorrenza e del mercato. Il Comando Provinciale di Terni, recependo tali sollecitazioni, accanto alla consueta attività preventiva e repressiva operata nei confronti di soggetti noti al fisco, ha destinato buona parte delle risorse umane disponibili per il contrasto al "sommerso" in tutte le sue forme: sommerso di impresa, con la conseguente scoperta di 19 evasori totali e 4 evasori paratotali che operavano in diversi settori dell’economia. Sommerso di lavoro, eseguiti 22 interventi con la scoperta di 47 persone, che operavano abusivamente tra l´altro in bar, agriturismo, ristoranti, autoriparatori, commercio al dettaglio di confezioni e di alimentari, affittacamere, lavori edili. Riassumendo, il contrasto all’economia sommersa ha portato alla scoperta di: 19 evasori totali; 4 evasori paratotali. Nel settore dei controlli strumentali scontrini e ricevute fiscali sono stati eseguiti 950 controlli di cui 85 con rilievi. Accanto a tale impegno strategico per il Corpo, la Guardia di Finanza di Terni, ha continuato la propria attività di repressione di quei fenomeni che, in sede locale, hanno creato molto allarme e preoccupazione nell’opinione pubblica quali la lotta all’usura, il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, la repressione della commercializzazione di cd, dvd, musicassette e videogiochi illecitamente riprodotti e posti in vendita. Schematizzando, si riassumono i dati relativi ai settori suddetti: 40 persone denunciate a piede libero e 3 persone in stato di arresto. Sequestri operati: valuta per 9.400 euro; 1.826 supporti informatici ed audio-video; 6.267 capi con marchi contraffatti, 63 biglietti falsi, 167 automobili radiocomandate. “Da ultimo – si legge nel comunicato della G.d.F. -, va menzionato l´impegno del Comando Provinciale nell’attività di monitoraggio per il rilevamento dei prezzi nei confronti di varie categorie economiche, in particolare sono state 121 le ispezioni compiute. Sono più di 258 tra segnalazioni, richieste di intervento ed informazioni pervenute al numero di pubblica utilità "117" della Sala Operativa del Comando Provinciale di Terni. Notevole l´impegno profuso nel settore della sicurezza per i cittadini, tenuto conto che la Guardia di Finanza di Terni partecipa alla vigilanza, con le altre forze di polizia, dei cosiddetti obiettivi sensibili presenti nella provincia ed alla lotta al terrorismo internazionale, settori che hanno richiesto un elevato impiego di risorse umane. Parimenti, nel corso dell’anno 2005, è stata garantita la collaborazione, con gli Organi preposti, ai servizi di ordine pubblico presso lo stadio cittadino. Molteplici sono state le attività di relazioni con il pubblico manifestate attraverso appositi incontri con gli studenti degli istituti superiori ed universitari della provincia sui temi di maggior allarme sociale quali la lotta al traffico di sostanze stupefacenti, la pirateria informatica e il diritto alla privacy”. La Guardia di Finanza ternana, quindi, ancora una volta, si è dimostrata efficiente, per i notevoli risultati conseguiti, l´impegno profuso al servizio del cittadino, per aver destinato cospicue risorse umane alla repressione ed al contrasto di quei fenomeni, che in sede locale, le autorità e, soprattutto, la cittadinanza, di volta in volta, hanno segnalato per i loro evidenti riflessi negativi sulla collettività.
21/12/2005 ore 14:55
Torna su