Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:10
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La città al buio: dopo Via Gattamelata, Via Roma e Santo Pietro ora è il "Monte" a stare senza la luce pubblica e i cittadini sono preoccupati
(C.A.) Il centro storico di Narni si trova spesso ad affrontare il problema degli improvvisi black-out in varie vie e piazze. Mesi fa ad andare in tilt erano stati i lampioni di Via Gattamelata e dei vicoli adiacenti, poi toccò a Via Roma, da Porta Ternana fino a Piazza Garibaldi, un paio di settimane fa a rimanere al buio era stata la strada di Santo Pietro. Ora tocca alla zona del “Monte” che è al buio da quattro giorni. L’illuminazione pubblica della parte alta della città è saltata da domenica scorsa e attualmente la situazione non sembra migliorare. Le vie rimaste al buio sono Via del Monte, Via Federico Benincasa e Via della Luna. “Le zone d’ombra sono più o meno queste – spiega Fabrizio Ruffini un residente della zona – anche se da ieri in Via Federico Benincasa la luce sembra essere tornata, ma potrebbe essere andata via da qualche altra parte”. I residenti hanno pensato in un primo momento ad un guasto momentaneo, ma, con il passare dei giorni, si stanno rendendo conto che il problema è molto più grave. Le prime proteste sono già arrivate all’amministrazione comunale che, però, stenta ad intervenire. Un guasto del genere andrebbe risanato immediatamente. Qualche cittadino sta facendo anche della facile ironia sulla situazione: “Mica siamo nel Medioevo, almeno a quel tempo avevano le candele, noi neanche quelle. Ma che siamo tornati al 1973?" – scherza un residente pensando all’epoca della crisi petrolifera che costringeva le amministrazioni a sospendere l’illuminazione nelle ore notturne. I disagi legati alla situazione sono molteplici. Soprattutto ad essere in maggiore difficoltà sono le persone anziane. La notte cala presto in questa stagione e i vicoli stretti e sconnessi, rappresentano un pericolo per chi è più avanti con l’età. Considerando poi che nella zona ospita una grande percentuale di ultrasessantenni, il problema va risolto prima possibile.
19/2/2004 ore 16:00
Torna su