Mercoledì 13/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Sequestrata una casa di riposo non autorizzata, denunciata una donna di 53 anni
Una residenza per anziani non autorizzata è stata sequestrata dalla Polizia di Stato di terni. La titolare, una cittadina brasiliana regolarmente residente a Terni, è stata denunciata. Il Giudice del Tribunale di Terni, a seguito della richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica, ha convalidato il sequestro della residenza che era stato effettuato dalla Polizia di Stato la scorsa settimana. Al termine di una breve indagine, che sarebbe partita da una segnalazione per un ricovero di un anziano a seguito di intervento del 118, la Seconda Sezione della Squadra Mobile ha individuato, nei pressi della stazione ferroviaria, un appartamento adibito a residenza per anziani, che, stando a quanto riferiscono dalla questura, nonostante fosse ampiamente pubblicizzato sui social network da oltre un anno, era privo di qualsiasi tipo di autorizzazione. Gli accertamenti degli inquirenti hanno portato anche all’identificazione della titolare: una cittadina brasiliana di 53 anni, regolarmente residente a Terni ed incensurata. Alla fine della scorsa settimana, gli agenti si sono presentati nella struttura, che è risultata essere un normale appartamento, con tre camere da letto ed ambienti comuni, con sei posti letto disponibili e privo di dispostivi o presidi medici. All’interno i poliziotti avrebbero trovato la titolare ed una donna di 90 anni, non autosufficiente. L'anziana avrebbe confidato ai poliziotti di essere stata lasciata sola in casa più volte. La signora avrebbe anche riferito di essere stata maltrattata. L’anziana è stata affidata ai parenti, per essere ricollocata in una residenza a norma, mentre la titolare è stata denunciata per gestione di struttura priva di autorizzazione, abbandono di persona incapace e maltrattamenti. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica, proseguono, non solo per dare riscontro a quanto dichiarato dall’anziana signora in merito ai maltrattamenti, ma anche per individuare altri possibili ospiti che hanno risieduto in passato nella struttura.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
9/10/2019 ore 21:15
Torna su