Domenica 29/03/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:02
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Il consigliere Bruschini bacchetta gli amministratori per via delle piante lasciate a marcire sulle scale del comune
Un cattivo esempio. Di come dovrebbero essere curate e rispettate le piante. Soprattutto all’interno di una pubblica amministrazione. A puntare l’indice contro il sindaco e la sua giunta per problemi legati al verde pubblico, è il consigliere Sergio Bruschini, capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale. “I nostri amministratori non hanno a cuore le piante che sono state messe dentro al palazzo comunale per abbellire le varie stanze-attacca-sono stati spesi dei soldi pubblici per acquistarle e quindi è un diritto dei cittadini, oltre che un dovere da parte degli amministratori, accertarsi che a queste povere piante siano rivolte tutte le cure necessarie. Ma non è così e basta salire gli scaloni che portano verso gli uffici del primo piano del comune per rendersi conto in che condizione versino le piccole piante di pin sistemate sui due lati: è una tristezza vedere che dentro a quei vasi sono rimasti soltanti dei rami secchi ed ingialliti dal sole e dalla siccità. Nessuno, per chissà quanto tempo, si è preoccupato di versare un po’ d’acqua dentro a quei vasi, nessuno ha notato la lenta “agonia” delle povere piante ed oggi la situazione è irrecuperabile, perché i pini sono “morti” e l’unica cosa che si può fare è quella di sostituirli. Non stanno meglio le piante custodite all’interno della sala consiliare: dentro ai grossi vasi si può trovare di tutto, dai mozziconi di sigarette alle cartacce; le stesse foglie sono ricoperte da una spessa patina di polvere. E’ brutto vedere tutta questa incuria, ma è ancora più brutto se si pensa che questo “spettacolo” sta sotto agli occhi di tutti, compresi i turisti, le coppie di sposi che molto spesso salgono le scale del comune per andarsi a sposare, unitamente ai loro invitati e poi gli studenti che vengono accompagnati nella sala consiliare per ammirare la tavola del Ghirlandaio, gli altri affreschi ma anche per vedere come è il luogo dove si svolge il consiglio comunale. Ed è soprattutto ai giovani cittadini che il comune non da affatto un buon esempio”.
26/10/2004 ore 10:57
Torna su