Martedì 22/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:36
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Corsa all'anello: tocca a Mezule presentare per primo la giornata medioevale attraverso un racconto di quando Narni e Sangemini firmarono l'armistizio
La corsa all'anello entra nel vivo delle manifestazioni. Oggi, infatti, avrà luogo la giornata medioevale del terziere Mezule che avrà come scenario vari angoli suggestivi del rione e farà immedesimare lo spettatore nella storia. La responsabile Elisa Bartolucci svela con entusiasmo la manifestazione di Mezule che avrà come fulcro la pace tra Narni e Sangemini firmata nel 1352. “La giornata medievale - spiega la responsabile bianconera - potrà contare su molti spaccati di vita medievale. Si partirà dall’osteria di piazza Pozzo della Comunità dove un personaggio con frasi in rima spiegherà agli spettatori, ai quali verrà offerto del vino, cosa succederà nel corso della giornata. Si passerà così in vicolo dei Capretti, via del Lavatoio, via Nerva e si arriverà alle Stranezze. Da qui il percorso si snoderà in via Aspromonte fino ad arrivare in piazza XX Settembre. Nei vicoli verranno proposte scene di vita quotidiana che avranno come protagonisti artigiani come il cardatore della lana, il calzolaio ed il cavadenti e tra la gente si aggirerà un mendicante che incuterà paura. Alle Stranezze verrà messa in scena la vita da osteria, mentre in un giardino che si trova in vicolo dei Capretti avrà luogo un balletto accompagnato da soavi note”. Insomma, la vita quotidiana della Narni medievale farà da ricco sfondo alla vicenda raccontata nella manifestazione, della quale gli spettatori verranno a conoscenza solo in via Cocceio Nerva quando passerà il banditore che annuncerà la pace insieme al corteo delle maestranze. Il culmine della storia si avrà nella piazzetta di via XX Settembre quando avverrà la firma della pace, verranno liberati i prigionieri di Sangemini che a sua volta riporterà a Narni il figlio del podestà di nome Michelino. “Sono soddisfatta del lavoro fatto - ha affermato la responsabile - e del gruppo compatto che si è creato. La mia speranza è che quest’anno si riavvicini al terziere ed alla giornata medievale gente che per vari motivi nel corso degli ultimi anni si era allontanata”.
27/4/2008 ore 5:36
Torna su