Lunedì 19/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:47
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria: stupore tra la gente per la notizia dell'arresto dei tre giovani sorpresi qualche notte fa dai carabinieri a rubare autoradio e Cd
Stupore. Ma anche rabbia e indignazione nel pensare alla leggerezza con la quale a volte un giovane riesce a rovinarsi la fedina penale. La notizia dell'arresto dei tre giovani (tutti di 19 anni) abitanti a Calvi dell'Umbria, sorpresi dai carabinieri a rubare all'interno di alcune automobili parcheggiate in una via di Terni, ha colto di sorpresa un po' tutti. I ragazzi erano stati colti in fragranza di reato da una pattuglia dei carabinieri che stava compiendo un giro di ispezione nella zona di Cospea. Uno dei tre giovani era sorpreso con le mani nel sacco, infatti all'arrivo dei militari era sgattaiolato fuori da una macchina parcheggiata nei pressi. Qualche metro più in la, a bordo di un'autovettura, gli altri due attendevano il complice. E' finita con l'arresto del terzetto accusato di furto aggravato, poiché dentro alla macchina dei ragazzi i carabinieri hanno rinvenuto arnesi da scasso, torce elettriche e la refurtiva asportata dalle automobili in sosta: un frontalino di una autoradio e alcuni Cd. Un misero bottino che ora rischia di tramutarsi in qualcosa di pesante per questi tre giovanissimi che sono già stati ascoltati dal giudice il quale li ha rinviati a giudizio per il prossimo mese di novembre. A Calvi, come si diceva, questa notizia ha fatto il giro di tutte le case, anche perché i tre ragazzi arrestati appartengono a famiglie conosciute da tutti. Famiglie oneste, di gente laboriosa che mai in passato ha avuto a che fare con la giustizia. Gli stessi ragazzi fino ad ora non avevano mai fatto parlare di loro: uno di essi ha terminato da poco gli studi superiori mentre un altro è iscritto all'Università. Spetterà agli inquirenti scoprire se l'episodio che li ha visti protagonisti sia stato il frutto di una bravata o qualcosa di più grave.
1/8/2006 ore 11:47
Torna su