Mercoledì 01/04/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:02
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Calvi dell'Umbria: il paese ricorda i 16 cittadini che 72 anni fa vennero trucidati dai nazisti
Calvi dell'Umbria ricorda i 16 concittadini che 72 anni fa vennero trucidati dai nazisti a pochi metri dalla piazza centrale del paese. L'eccidio verrà celebrato mercoledì 13 aprile, con una giornata in ricordo delle vittime della feroce repressione nazista. A presiedere le iniziative saranno il sindaco Guido Grillini e altri membri dell’amministrazione comunale. La mattina del 13 aprile 1944, un plotone di esecuzione nazista fucilò 16 persone, molte delle quali cittadini comuni, alcuni poco più che 14enni. Secondo i tedeschi erano sospettati di collaborare con i partigiani, inoltre, ricordano gli storici, la strage sarebbe stata organizzata e voluta da un colonnello fascista della guardia nazionale repubblicana che rispondeva al nome di Giunio Faustini, operante a Terni, e dai suoi figli che avrebbero agito insieme ad un altro milite della Gnr. La ricostruzione di quei giorni vuole che il 12 aprile un gruppo di cittadini calvesi venissero arrestati su indicazione proprio di Faustini e portati nella caserma dei carabinieri per essere giustiziati sulla piazza del paese il giorno dopo da 20 soldati delle SS tedesche, senza alcun processo. I loro cadaveri furono poi abbandonati sul posto.
(Nella foto l'angolo dietro a piazza Mazzini, dove vennero fucilati i 16 calvesi)
12/4/2016 ore 15:00
Torna su