Venerdì 23/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ad aprile, maggio e giugno tre gare di ciclocross per ricordare Vincenzo Apuzzo
Vincenzo amava la sua bici, la compagna di tante avventure. Voleva correre in bicicletta, aveva anche trovato una squadra ma era indietro con la preparazione e aveva così deciso di rimandare il debutto alle gare di qualche settimana. Vincenzo non ha mai attaccato il numero alla maglia. Un tragico destino ha stroncato troppo presto la sua giovane vita. A distanza di un anno da quel triste giorno, la famiglia di Vincenzo ha deciso di ricordare il figlio attraverso quel mezzo che lui tanto amava, attraverso la bicicletta. E’ proprio in ricordo di Vincenzo che da aprile a giugno a Narni scalo, dove lui viveva, si svolgerà il trittico “Gli amici di Vincenzo” organizzato da Ruota libera. Era proprio con la società ternana che Vincenzo aveva scelto di vivere la propria passione per la mountain bike, era con loro che macinava chilometri su chilometri tra scherzi e risate. E per tanti che in sella alle due ruote lo hanno conosciuto, questa non sarà una gara come tutte le altre. Anzi le gare. Sono infatti tre le prove dedicate a Vincenzo. La prima è una prova di ciclocross che si svolgerà domenica 10 aprile. La seconda si svolge sabato 28 maggio e prevede una prova su strada. Per concludere gli amici di Ruota libera hanno deciso di scegliere la disciplina che Vincenzo più amava, la mountain bike, domenica 19 giugno. E’ prevista una classifica che somma i punteggi ottenuti nelle tre prove. Ma mai come questa volta varrà il partecipare per il gusto di passare una giornata con gli amici sudando per lo sforzo in bici, vivere la sensazione di libertà che la bicicletta dà. Il risultato per una volta non conterà. Saranno tre giornate all’insegna del ricordo di un ragazzo che non c’è più, di un ragazzo per il quale la bici era molto di più che un mezzo di trasporto. Così lo vogliono ricordare i famigliari e gli amici.
Laura Proietti

20/2/2005 ore 15:59
Torna su