Lunedì 26/09/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:49
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Viadotto chiuso: le forze dell'ordine in due giorni hanno controllato 525 mezzi pesanti, multati 92 camionisti
Dalla Questura di Terni arrivano i primi dati riguardanti gli esiti dei controlli effettuati lungo le arterie intorno a Narni, a seguito della chiusura di un tratto del Rato. In due giorni sono state elevate 75 contravvenzioni ad altrettanti camionisti. "Primi due giorni di controlli - si legge in una nota -, da quando è partito il piano straordinario per la messa in sicurezza della viabilità alternativa, adottata in conseguenza alla chiusura del viadotto Montoro. Si tratta del piano stabilito con ordinanza del Questore di Terni e condiviso con il Prefetto Emilio Dario Sensi, di concerto con le forze dell’ordine, il Sindaco di Narni e l’Anas. Notevole il traffico pesante sulle direttrici di carico Perugia e Orte, anche in vista del fine settimana. Nei due check point posti uno in località San Liberato, sulla SS.675 al Km. 30+000, direzione Terni appena passato il casello A1 di Orte, e l’altro sulla E/45 al Km. 0+500, prima dello svincolo che immette sulla SS.675, direttrici per Terni e per Orte, le pattuglie della Polizia di Stato di Terni – Questura e Polizia Stradale – dei Carabinieri e della Polizia Locale di Terni e di Narni, hanno fermato e controllato n. 525 veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate. Settantacinque di questi non sono risultati legittimati al transito sul territorio provinciale e, dopo essere stati sanzionati, sono stati reindirizzati sui percorsi stabiliti. In totale - chiude la nota stampa -, sono state 92 le sanzioni elevate, con un’incidenza maggiore nel 'check point' posto al Km. 0+500 della E/45 direzione sud. I servizi straordinari continueranno anche nei prossimi giorni per garantire la sicurezza della viabilità e per sostenere le comunità coinvolte in questa difficile situazione".
20/6/2020 ore 2:55
Torna su