Sabato 13/08/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:16
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Un triennio di progetti e traguardi: parlano i responsabili dell’Associazione Corsa all'Anello
Alla vigilia delle elezioni parlano i responsabili delle varie segreterie dell'associazione Corsa all'anello. Essi hanno tracciato un bilancio personale delle esperienze ed hanno messo in luce i traguardi più importanti raggiunti, non mancando di parlare delle idee che potranno arricchire il futuro della Corsa all’Anello.
SEGRETERIA PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE (Emiliano Luciani) Quando è iniziata la mia avventura alla segreteria Comunicazione e Pubbliche relazioni dell’Associazione Corsa all’Anello mi aspettavo un certo tipo di lavoro e certe problematiche che però ho dovuto affrontare (purtroppo) solo durante il primo anno (2019) perché poi la pandemia ha stravolto completamente la nostra vita e le nostre prospettive. Facendo un riassunto di quanto fatto e degli obbiettivi raggiunti in questi tre anni posso comunque dire che il fatto di dover convivere con quanto stava accadendo ci ha dato la forza e il coraggio di cambiare, di rinnovarci e con orgoglio dico che la Corsa all’Anello ha saputo affrontare egregiamente la situazione. Abbiamo completamente trasportato online l’edizione 2020, in pieno lockdown, non lasciando un vuoto e riuscendo per primi a digitalizzare un evento di rievocazione medievale. L’anno successivo ci siamo ritrovati nella stessa situazione e ho pensato di rinnovarci ancora ed è nata così l’idea del “Main stage”, mettere in piedi una sorta di televisivo ci è sembrata l’unica soluzione praticabile per raccontare in modo diverso, ma comunque nel rispetto delle regolamentazioni Covid, il nostro amato evento dedicato a San Giovenale, e allo stesso modo giocare la partita dei finanziamenti pubblici. Abbiamo ideato un vero palinsesto, traslando i nostri eventi di piazza in programmi da vedere sul pc o sul telefonino con conduttori, trasmissioni in diretta e oltre 30 video realizzati ad hoc per raccontare la Corsa all’Anello e il Medioevo in generale, un evento totalmente in streaming che ha posto al suo centro l’universo della storia medievale analizzandolo a 360 gradi. Grande novità dell’edizione digitale 2021 sono stati anche la piattaforma 3d, Metaverso della Corsa all’Anello e il Virtual Tour 360° della mostra dei Costumi. Visti gli ottimi risultati ottenuti si è deciso di affiancare tutto questo agli eventi in presenza nell’edizione di settembre 2021 e tentare anche lo streaming-live degli eventi in Piazza fino ad arrivare alla seguitissima diretta integrale della Corsa al Campo de' li Giochi. Tra le cose “ordinarie” vorrei ricordare lo sviluppo di un sistema interno per la vendita di spazi pubblicitari e gestione sponsor e il rinnovo e ampliamento della rivista ufficiale della Corsa all’Anello “Cavalli agli stalli”. Abbiamo cercato di espandere la nostra utenza per esempio con la presenza di immagini pubblicitarie nelle aree di autostrade per l’Italia e di raggiungere un pubblico più colto e di nicchia con la pubblicazione di contenuti originali creando insieme alla Commissione Cultura la rubrica “I racconti delle Pergamene”, di cui andiamo estremamente fieri al pari della collaborazione con l’ambasciata italiana a Miami e l’Istituto Marangoni che ha fatto conoscere in una sede prestigiosa oltreoceano i magnifici costumi delle nostre sartorie. Abbiamo curato l’identità grafica nei minimi dettagli in modo da renderla coerente su tutti i canali, unica e perfettamente riconoscibile, gestendo i social (prima fonte promozionale in questa epoca) con puntualità, presenza costante e un’immagine di livello, riuscendo ad arrivare molto lontano dai confini della nostra regione e nazione. Facendoci coraggio e non lasciandoci abbattere siamo riusciti ad approfondire, divulgare e raccontare la nostra festa e la nostra storia, scoperto nuove potenzialità e gettato le basi per una piattaforma che potrà arricchire e affiancare la festa tradizionale rendendola più completa e senza alcuna barriera e mantenuto vivo l’amore e l’attenzione per la nostra tanto amata Corsa all’Anello, evento simbolo della città di Narni.
SEGRETERIA TECNICA (Filippo Miliacca e Giovanni Cipiccia)
Per quanto riguarda la segreteria tecnica, l’intervento più importante riguarda la realizzazione del nuovo Campo de' li Giochi, inaugurato il 25 aprile del 2019 e pronto per la gara equestre dello stesso anno (maggio) dopo un intervento in tempi record che ha permesso la trasformazione dell’ex antistadio San Girolamo nella nuova struttura dedicata alla giostra equestre. L’intervento ha riguardato le gradinate preesistenti che sono state riqualificate e che contano 2282 posti più 13 per le persone disabili. Sono stati riqualificati anche gli accessi ed è stata creata un’area per il posizionamento dei box dei cavalli con zona per la sgambatura. E’ stato fatto anche un intervento apposito sul campo di gara che presenta un fondo in erba e la pista dove corrono i cavalli, in sabbia. Il Campo de' li Giochi è affiliato Fitetrec, così come le scuderie dei terzieri. Nel corso del triennio è stata anche cambiata la commissione veterinaria che ogni anno effettua le visite ai cavalli per l’idoneità alla disputa della Corsa all’Anello. Stiamo lavorando anche in previsione del futuro, al fine di far diventare il nostro Campo de' li Giochi, una struttura dove potranno essere disputate altre gara equestri, visto che ci sono tutte le abilitazioni del caso. Il campo della Corsa all’Anello potrà diventare un importante punto di riferimento nel mondo delle giostre medievali e non.
SEGRETERIA COREOGRAFICA (Patrizia Nannini e Sandro Angelucci, subentrato nel 2020 a Francesca Michelini)
Abbiamo saputo reinventarci in sicurezza, fedeli a noi stessi, ma sempre diversi nonostante la pandemia. Non solo non ci siamo fermati, ma siamo cresciuti. Basti pensare a Palazzo dei Priori, fulcro di arte e cultura. Essere riusciti a spostare i costumi in uso, ha consentito il recupero della Sala della Vergine e delle salette attigue che sono diventate contenitori perfetti per mostre d’arte e musealizzazioni. Installazioni di costumi, in un percorso che ripercorre le tappe principali della manifestazione, l’hanno portato ad essere il Museo della corsa all’Anello. Sono stati inoltre recuperati e rivitalizzati, anche in altri momento dell’anno, spazi come i Sotterranei e l’Orto di Poca Considerazione, spazi meravigliosi, ma poco conosciuti ed ancor meno sfruttati. Il Palazzo è stato il centro artistico/culturale di riferimento dell’intera manifestazione, nonché della Città, ospitando appunto mostre, installazioni, conferenze, talk show con ospiti di livello internazionale, showcooking, laboratori, spettacoli, rimanendo interamente aperto al pubblico. C’è da parlare poi degli workshop, importanti per far conoscere la Corsa all’Anello all’esterno, facendo diventare Narni il fulcro del Medioevo ricostruito e per formare le competenze interne al mondo della manifestazione. La città intera è divenuta un polo di attrazione di cultura medievale dove si insegna, e quindi si impara, a ricostruire il Medioevo, non fermandosi alla mera cultura ma applicandola alla quotidianità, dagli abiti alla cucina, dalla musica al teatro. Nata da poco, ogni edizione ha visto crescere il numero degli iscritti esterni al circuito della Corsa all’Anello, auspicando una crescita sempre maggiore nel futuro e diventando anche un importante volano per sbocchi occupazionali.
Ricordiamo anche la pubblicazione del fumetto storico “Cantar de gesta”, omaggio al condottiero Gattamelata da Narni (insieme ad un importante convegno di cui saranno pubblicati prossimamente gli atti), che vuole essere il primo di tanti, per poter esprimere attraverso questa forma d’arte universale e moderna un nuovo modo di fare medioevo che possa avvinare a questo mondo meraviglioso ancor più persone. E’ iniziato inoltre un percorso culturale/gastronomico volto alla scoperta del cibo nel Medioevo, inteso sia come gusto che come cultura, attraverso banchetti medievali, workshop e showcooking che han visto la presenza di ospiti importanti. Il progetto prevede la creazione di una taverna medievale, dove non solo si mangeranno tutti i giorni i piatti dell’epoca, ma si vivrà l’atmosfera tipica delle taverne.
In campo artistico, musicale e teatrale abbiamo avuto la collaborazione con importanti esperti di settore che hanno arricchito senza dubbio la Corsa all’Anello.
SEGRETERIA AMMINISTRATIVA (Paola Benedetti e Fabrizio Proietti Grilli)
Durante l’ultimo triennio c’è stata la possibilità di partecipare a diversi bandi che ci hanno permesso di far sopravvivere la Corsa all’Anello, nonostante le limitazioni dovute alla pandemia di covid 19 che ha fortemente minato la manifestazione e tutto ciò che intorno ad essa ruota. Abbiamo partecipato a bandi Mibact, Sviluppumbria, Regione Umbria e Camera di Commercio Umbria per finanziamenti e contributi che abbiamo ottenuto grazie alla validità dei progetti presentati negli anni. Da sottolineare anche il fatto che nel 2020 e nel 2021 abbiamo chiuso i bilanci in estrema positività. Un traguardo molto importante che ci permette di guardare con maggiore fiducia al futuro.
19/2/2022 ore 16:15
Torna su