Sabato 13/08/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:49
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: va in pensione il professor Amilcare Parisi dopo 41 anni di servizio all'ospedale "Santa Maria"
Ultimo giorno di lavoro, lunedì 28 febbraio, per il professor Amilcare Parisi, che lascia il servizio all’ospedale "Santa Maria" di Terni, dopo due proroghe, per raggiunti limiti di età. Il primo marzo, infatti, prenderà ufficialmente servizio il dottor Giovanni Domenico Tebala, che assumerà dunque la direzione della struttura complessa di Chirurgia digestiva e d’urgenza. Il professor Parisi lascia il "Santa Maria" dopo 41 anni di servizio. Era il 2 marzo 1981 quando assunse il suo primo incarico da dirigente medico. Il suo percorso professionale e umano ha permesso al Santa Maria di compiere numerosi passi in avanti nel campo sia del servizio ai pazienti, sia nella ricerca e nello studio di nuove tecniche di intervento, permettendo allo stesso professor Parisi di diventare un riferimento nazionale e internazionale. Da questo punto di vista, spiccano gli studi e gli interventi del professor Parisi nel settore della robotica e della chirurgia mininvasiva, in particolare con il robot ‘Da Vinci’. Di rilievo internazionale anche la ‘Parisi technique’, divenuta ormai un punto fermo per la cura del cancro allo stomaco e presentata dallo stesso Parisi in Cina, nell’ambito del decimo congresso internazionale sul trattamento di questa patologia. “Il professor Parisi - spiega il direttore sanitario del Santa Maria, Alessandra Ascani - in tutti questi anni ha innalzato il livello professionale del nostro ospedale, mettendosi a disposizione delle persone malate con le sue indubbie qualità tecniche e umane. Da questo punto di vista, non solo in questo lasso di tempo ha messo in pratica tutta la sua professionalità, ma ha anche avuto la lungimiranza di lavorare sui giovani: oggi lascia al Santa Maria, e quindi alla collettività, giovani colleghi che sicuramente sapranno portare avanti l’ottimo lavoro avviato, declinandolo alle nuove sfide che il mondo sanitario affronta e dovrà affrontare”.
27/2/2022 ore 3:35
Torna su