Venerdì 19/07/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 17:03
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Raccordo Terni-Orte: lavori ultimati, riaperto al traffico lo svincolo di Capitone
Il Rato si rifà il look e dopo molto tempo di lavori su vari punti del percorso, le ditte appaltatrici hanno ultimato i lavori su un paio di cantieri. Uno di questi riguarda lo svincolo per Capitone. "Altri due cantieri sulla strada statale 675 (Rato) sono stati chiusi - ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti, Enrico Melasecche -. Ringraziamo gli utenti che hanno dovuto subire disagi a causa dei cantieri aperti e li invitiamo ad avere pazienza. L'obiettivo della completa realizzazione del piano di riqualificazione delle strade umbre si fa ogni mese più vicino". Anas ha informato l’Assessorato regionale di aver completato e rimosso altri due cantieri sulla strada statale 675 'Umbro-Laziale' tra Orte e Terni, nell’ambito del piano di riqualificazione dell’itinerario E/45 Orte-Mestre. In corrispondenza dello svincolo di Narni Scalo-Capitone sono stati ultimati i lavori di risanamento profondo della pavimentazione per circa 2 chilometri della carreggiata nord. È stata così riaperta l’uscita dello svincolo e rimosso lo scambio di carreggiata. Era l’ultimo tratto di un lotto di 5 chilometri, ad oggi totalmente risanati per un investimento complessivo di 4 milioni di euro. L’intervento, analogamente agli altri in corso sulla rete Anas umbra, ha riguardato il risanamento profondo del corpo stradale per oltre 66 centimetri di profondità, con la completa rimozione della vecchia pavimentazione, il miglioramento degli strati di fondazione e la realizzazione di un nuovo piano viabile con asfalto di tipo drenante, oltre al rifacimento della segnaletica orizzontale e delle opere idrauliche. Il miglioramento dello strato di fondazione e la realizzazione dello strato di base sono stati eseguiti con tecniche che hanno consentito di riutilizzare il 100% dei materiali esistenti (stabilizzazione in situ e riciclaggio a freddo) evitando il conferimento in discarica di enormi quantità di materiale e riducendo contestualmente la quantità di materiale vergine necessaria. Nei giorni scorsi, inoltre, sono terminati i lavori di sostituzione delle barriere laterali di sicurezza a San Liberato. Il cantiere, lungo circa 2,5 chilometri, è stato rimosso con qualche giorno di anticipo sul cronoprogramma. L’intervento rientra nei lavori di sostituzione delle barriere laterali in vari tratti della S.S. 675, per un investimento totale di 4 milioni di euro, al fine di innalzare gli standard di sicurezza.
(Foto di repertorio)
26/6/2023 ore 0:40
Torna su