Lunedì 27/09/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:00
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Piscina comunale a Narni, Forza Italia: "siamo rimasti tra i pochi in Umbria a non averne una"
"Narni è uno delle poche città umbre a non avere una piscina comunale". E' Sergio Bruschini a tornare su un argomento che, di questi tempi, ha il potere di fare innervosire un discreto numero di narnesi. Il capogruppo di Forza Italia ricorda come sia ormai "un lontano ricordo la piscina del 'San Girolamo', meta di persone che arrivavano anche da tanti paesi del circondario. L'amministrazione comunale - osserva Bruschini -, qualche anno fa vendette il castello e con esso anche la piscina. Quella stessa piscina inaugurata nel lontano 1974 e che per tante estati di fila aveva allietato i narnesi e non solo. Risultato: da diverso tempo, ormai, Narni non ha più una piscina comunale, a differenza di quanto accade nella maggior parte di paesi e cittadine dell'Umbria. I narnesi che vogliono andare a farsi un bagno sono così costretti a recarsi in uno dei paesi vicini, oppure a Terni. E questa situazione, ahimè, durerà ancora per molte estati perchè al momento la nostra amministrazione non sembra essere intenzionata a realizzare una nuova piscina. Di un fantomatico impianto da progettare e costruire a Narni Scalo se ne parla da decenni e le ultime notizie sembrano essere quelle riguardanti la solita ipotesi di un progetto di finanza per 2milioni di euro da attuarsi entro il 2022. Progetto che - sottolinea Bruschini -, di anno in anno, viene traslato in avanti stante l'incapacità e la non volontà di questa amministrazione di impegnarsi sul serio sulla nuova piscina. Fatte queste premesse ritengo che sia arrivato il momento che il consiglio comunale dia mandato alla giunta, affinchè si impegni a progettare da subito un nuovo impianto natatorio. E' infatti necessario che si apra un concorso di idee attraverso un apposito bando al quale potranno partecipare dei soggetti privati interessati. In alternativa, se non dovesse esserci nessuno disponibile, si valuti la possibilità di un 'coinvestimento' in concessione, predisponendo un apposito mutuo per la realizzazione del non più rinviabile nuovo impianto".
(Nella foto, la piscina di San Girolamo, quando ancora era in funzione)
10/8/2020 ore 3:53
Torna su