Giovedì 29/02/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:53
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: truffa del finto tamponamento,75enne narnese cade nella trappola
I carabinieri della stazione di Narni Scalo hanno deferito in stato di libertà per truffa un 44enne di origini campane, residente a Roma e gravato da numerosi precedenti. In un comuncicato dell'Arma vengono spiegate le ragioni che hanno portato alla denuncia dell'uomo. "L’attività - spiegano i carabinieri -, è scaturita dalla denuncia sporta da un 75enne narnese che, nel novembre scorso, aveva subito una truffa col metodo del 'finto incidente'. L’anziano, mentre era alla guida della propria autovettura lungo la Flaminia Ternana, era stato seguito, raggiunto e, infine, fermato, da un veicolo condotto da un uomo che si era lamentato con l’ignara vittima di essere stato tamponato dallo stesso, pretendendo un immediato risarcimento. L’anziano, spaventato e disorientato dalla situazione, a fronte di una prima richiesta di ben 5.000 euro per il danno patito e della minaccia di far intervenire le forze dell'ordine, si era lasciato persuadere a recarsi presso un vicino sportello bancomat, dove aveva prelevato la somma di 500 euro, consegnandola al truffatore, che si era poi dileguato. Le indagini avviate dai militari - prosegue la nota dell'Arma -, grazie anche alle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona, hanno consentito di risalire all’autore del raggiro, identificato appunto nel 44enne, per il quale è così scattata la denuncia". Sulla scorta di quanto accaduto l'Arma consiglia di diffidare sempre da richieste di denaro o beni quale immediato risarcimento preteso, in maniera molto frettolosa e direttamente su strada, da conducenti di automezzi per presunti danni subiti. "Nel caso ciò dovesse accadere bisogna sempre richiedere l’intervento delle forze dell'ordine tramite il numero di emergenza 112, segnalando quanto sta accadendo. La pericolosità e l’efficacia del raggiro sono altresì legate all’abilità dei truffatori che, nella maggior parte dei casi, simulano un impatto lanciando un oggetto contro il veicolo della vittima in transito, per poi fermarlo: in quella fase l’ulteriore artifizio costituito da uno specchietto rotto dell’auto del truffatore oppure da un graffio appositamente simulato o da un pregresso danno sulla carrozzeria della stessa, contribuiscono a suggestionare ulteriormente l’ignara vittima, inducendola in errore".
3/2/2024 ore 11:45
Torna su