Martedì 07/12/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:58
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: sabato 27 novembre inaugurazione del sentiero della Formina, da piazza dei Priori a Sant'Urbano
Narni custodisce due preziosissimi brandelli di storia, fino a pochi anni fa completamente sconosciuti. Si tratta di Narni Sotterranea e dell'acquedotto romano Formina. Entrambi sono stati riscoperti nel 1979 dal Gruppo Speleologico Utec e poi valorizzati da coloro che si sono impegnati fino ad oggi. Proprio quest'ultimo gioiello di ingegneria romana, lungo ben 13 chilometri, per duemila anni, quasi ininterrottamente, ha dissetato gli abitanti della città, per poi essere abbandonato e dimenticato dopo il secondo conflitto mondiale. Di recente il Comune di Narni ha riattivato il sentiero che permette di giungere dalle mura castellane, in prossimità della chiesa di Santa Margherita, fino alle sorgenti, alle pendici della collina dove sorge il paese di Sant'Urbano. Un percorso per escursionisti che vogliono vivere un'esperienza unica, camminando sopra le antiche vestigia dell'acquedotto, ammirando i ponti (ce ne sono ben quattro), gli ingressi, le strutture, immersi nel paesaggio umbro, che accompagna il turista verso il Sacro Speco di San Francesco. Il sentiero verrà inaugurato sabato 27 novembre 2021 alle 9 partendo da piazza dei Priori fino a giungere a Ponte Vecchio (durata circa tre ore). I segreti di questa eccezionale opera idraulica sono stati ora svelati in una pregevole pubblicazione a cura dell'editore Ciabochi di Fabriano, che verrà presentata al pubblico sempre sabato 27 alle 17,30 presso la ex chiesa di San Domenico. Il volume "La memoria dell'acqua. L'acquedotto Formina della Narnia romana" è un pregevole libro archeologico fotografico realizzato grazie alla collaborazione di quattro autori: Giada Bagnetti per la parte geologica, Mauro Montini per il consistente apparato fotografico, Annamaria Loretani e Roberto Nini per la parte storico-archeologica, tutti accomunati dalla passione per la speleologia.
26/11/2021 ore 1:59
Torna su