Mercoledý 24/07/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 06:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: multa di 2.500 euro e denuncia penale per un cittadino che aveva abbandonato dei rifiuti in un'area verde
Nei circa 200 chilometri quadrati occupati dal territorio narnese, capita purtroppo sovente di imbattersi in discariche a cielo aperto. I controlli degli enti e delle forze dell'ordine preposte a questo genere di reati ci sono, ma non sono sufficienti ad arginare il fenomeno. E' di questi giorni la notizia riguardante l'intervento della Polizia Locale di Narni che ha sanzionato pesantemente un cittadino accusato di avere abbandonato dei rifiuti in uno sterrato situato a poca distanza da Narni. Per l'uomo, oltre alla sanzione di 2.500 euro Ŕ scattata, come riferisce l'assessore Tramini, la denuncia penale. Dopo una meticolosa indagine gli agenti della Polizia Locale, coordinati dal capitano Antonio Bubba, hanno rintracciato l'uomo, ritenuto responsabile dello sversamento di rifiuti di vario genere in un'area verde situata nella prima periferia di Narni. Oltre all'ammenda all'uomo sono state addebitate le spese riguardanti la pulizia ed il ripristino dei luoghi. L'assessore rivolge "Un plauso agli agenti del corpo di Polizia Locale che ogni giorno combattono contro l'inciviltÓ di alcuni soggetti che hanno preso l'abitudine di scambiare i nostri boschi per discariche. Non basta la piattaforma per il conferimento gratuito degli ingombranti oppure il ritiro a domicilio; per qualche cittadino, evidentemente Ŕ pi¨ comodo gettarli in mezzo ai nostri meravigliosi boschi. Da parte nostra abbiamo deciso giÓ da tempo di applicare il metodo della 'tolleranza zero' nei confronti di questi individui che con i loro comportamenti rovinano e deturpano il nostro territorio. Siamo molto attenti ad arginare questo tipo di reati che dal mese di ottobre sono divenuti penali. La maxi sanzione applicata nei confronti del cittadino in questione non sarÓ l'unica. Anzi, questo Ŕ solo l'inizio; a breve ne arriveranno altre".
5/6/2024 ore 2:55
Torna su