Lunedì 06/02/2023
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, il sindaco lancia numeri da brivido: "quattromila mezzi pesanti attraversano ogni giorno le nostre strade"
Che sulle strade narnesi transitassero ogni giorno centinaia di mezzi pesanti era risaputo, ma che i numeri fossero molto più alti di quelli immaginabili no. A confermare la situazione di grave sofferenza per il traffico locale è il sindaco di Narni Francesco De Rebotti. Il primo cittadino mostra preoccupazione per l'alto di automezzi (gran parte pesanti) che sono stati dirottati sulla viabilità ordinaria a causa della chiusura del viadotto Montoro. Nella mattinata odierna (10 giugno), tra le 8 e le 9, è stato fatto un monitoraggio che ha riguardato tre punti "caldi". Un primo controllo è stato effettuato allo svincolo di Nera Montoro dove si è monitorato il traffico dei mezzi pesanti provenienti da Orte (sud) e da Montoro (nord). Il flusso complessivo è stato di 208 camion (107 da Orte e 101 da Montoro) in un’ora. Sulla strada Flaminia (all’altezza di ponte Aia) sono stati registrati da Terni 99 mezzi e 134 da Narni. Dal casello di Magliano Sabina (all'altezza di Ponte Sanguinaro) sono stati rilevati 40 mezzi da sud e 19 da nord. "Si tratta - spiega il sindaco -, di circa 250 mezzi che attraversano ogni ora le strade interne del territorio di Narni. In pratica due milioni di autovetture in cento giorni passano prevalentemente lungo la strada Montorese". Insomma, siamo di fronte ad una vera e prorpia invasione che compromette la vivibilità del territorio, la sostenibilità ambientale e la sicurezza dei cittadini. "La viabilità interna - dice De Rebotti -, non è stata certo concepita per questi volumi di traffico. Ci sono strade strette con le abitazioni intorno, attraversamenti pedonali e limiti di velocità. Immaginate cosa succederebbe nel caso in cui uno di questi mezzi dovesse avere un guasto o un incidente. Apprezzo lo sforzo di Anas che dice che in tempi rapidi risolverà i problemi del viadotto. Ma sapere che fra 45 giorni riapre la superstrada a noi cambia poco per non dire nulla. Siamo la 'porta sud' e mai come in questo caso capiamo la strategicità di questo territorio". Servono dunque provvedimenti più intensi e stringenti: bloccare i mezzi pesanti (che non sono diretti ad aziende del territorio) ad Orte e Magliano Sabina e vietarne il transito in strada dei Confini. Ma occorre anche una cartellonistica 'intelligente' che intercetti il traffico automobilistico e lo smisti a seconda delle destinazioni. Per quanto riguarda la segnaletica, De Rebotti suggerisce di adottarne una specifica anche per il fine settimana (la domenica) e per chi rientra verso sud, in modo particolare verso il casello di Orte. Per il sindaco di Narni serve "uno sforzo straordinario in termini di controlli. Solo la segnaletica non è sufficiente. È necessario avere personale anche negli snodi dell’autostrada. È passata una settimana, rischiano di passare altri giorni. C’è necessità di procedere con la segnaletica e con i controlli ed emettere ordinanze sulle strade interne da parte di Anas e Provincia di Terni".
10/6/2020 ore 16:00
Torna su