Lunedì 27/09/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, Bruschini (FI) chiama a rapporto le forze di opposizione: "uniamoci per vincere le elezioni del 2022"
Il 2022, anno in cui i narnesi torneranno alle urne per eleggere il nuovo sindaco, si avvicina. Ed all'interno dei vari schieramenti politici si comincia già a lavorare. Forza Italia considera l'appuntamento del 2022 molto importante per il futuro di Narni e chiede ai partiti "alleati" di aprire subito un tavolo di confronto e di discussione. Sergio Bruschini, leader del partito azzurro, sollecita le altre forze di opposizione a fare quadrato, "evitando quelle frizioni e quelle fratture che in passato hanno fatto il gioco degli avversari". "Dobbiamo - spiega Bruschini -, aprire confronti e fare progetti in vista delle elezioni comunali del 2022. Ci troviamo al giro di boa di questa giunta, ovvero in un momento importante per comprendere dove sta andando il nostro territorio. Dobbiamo creare consapevolezza, confronto, crescita, partecipazione all’interno delle forze di minoranza del 'cambiamento', che possono creare una reale opportunità di svolta. Se pensiamo al sentire diffuso, a partire dalla percezione della situazione sociale nelle sue molteplici forme, ci accorgiamo che i sentimenti più comuni sono quelli di stanchezza, frustrazione, incertezza, paura, attese disilluse e di un futuro che a tratti pare svuotato. Pur in una situazione siffatta - continua Bruschini -, come forze di minoranza abbiamo sin qui svolto, anche per questo, un ruolo di attenta condivisone, senza rimarcare eccessivamente divisioni o contrapposizioni che non avevano ragion d’essere. Abbiamo voluto sempre evidenziare e condividere tutti i passaggi del 'bene possibile' per il nostro territorio, essere insomma capaci di stare al servizio della città e facilitare azioni di prospettiva che partano dal mettere insieme risorse, capacità, luoghi di condivisione del bene, da qualunque parte esso venga. Questo, però, non può e non deve essere confuso con una eccessiva condiscendenza alla attività di questa amministrazione, che denota una visione, dopo 70 anni di potere ininterrotto, stantia e portata a preservare soprattutto se stessa. Ora il compito del centrodestra e di alcune forze civiche del cambiamento, può assumere una valenza e delle possibilità di risposta molto importanti per la comunità, in virtù, anche, del fatto che proprio il centrodestra ha assunto la guida del vicino capoluogo ternano e della Regione. Siamo quindi chiamati ad una responsabilità anche di governo e al tempo stesso, siamo ancora di più titolati a porre le basi di una svolta politica alla guida della nostra città. Per questo è necessario che ciascun partito, che oggi ne costituisce l'ossatura intensifichi la sua azione tesa a costruire, con i propri valori e le proprie identità, un percorso comune, che deve preparare la nostra proposta per il 2022 ed il cambiamento possibile. Sarebbe un errore fatale sprecare questa occasione, facendo riemergere divisioni sterili o contrapposizioni che in passato hanno già causato delle cocenti sconfitte. Ritengo utile - conclude Bruschini -, aprire uno spunto di riflessione per valutare la costituzione, in questo ambito, di un tavolo permanente di discussione e confronto, che prepari idee, proposte ed uomini per una svolta che, questa volta possibile, a Narni sembra essere possibile, ma non scontata".
3/3/2020 ore 3:55
Torna su