Lunedì 06/02/2023
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 07:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
La Lega propone di installare sistemi di videosorveglianza in strutture per anziani e disabili
I consiglieri regionali della Lega, Valerio Mancini e Manuela Puletti hanno interrogato l’assessore Coletto circa "l'installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso nelle strutture socio sanitarie e socio assistenziali per anziani e persone con disabilità". Illustrando l’atto in aula Mancini ha detto che l’interrogazione vuole "conoscere se la Regione ha presentato al Ministero della Salute il programma per l’utilizzo delle risorse previste dal decreto ministeriale 31 dicembre 2021 per l’installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso, finalizzati ad assicurare la più ampia tutela a favore delle persone ospitate nelle strutture socio-sanitarie e socio assistenziali per anziani e persone con disabilità, a carattere residenziale, semiresidenziale o diurno e comunque per conoscere lo stato di attuazione del decreto ministeriale. Ricordo che con il riparto dei fondi per la Regione Umbria sono previsti un milione 216mila euro per gli anni 2019-2024 per l’installazione di sistemi videosorveglianza a circuito chiuso nelle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali per anziani e persone con disabilità. Il Decreto prevede che le Regioni presentino al Ministero della salute uno specifico programma per l’utilizzo delle risorse. Il programma dovrà riportare il fabbisogno complessivo rilevato dalla Regione e l’indicazione degli interventi ritenuti prioritari e oggetto del finanziamento, raggruppati per stazione appaltante. Le Regioni dovranno presentare una breve relazione tecnica che descriva gli interventi che si intendono realizzare. Questo è un tema che è alla ribalta della cronaca in Umbria, con indagini aperte su alcune strutture. L’interrogazione nasce anche da fatti incresciosi avvenuti nella nostra regione. Ma questo è un argomento che la Lega aveva affrontato in questa aula anche nella passata legislatura, visto che è molto sentito dalla famiglie". L’assessore Coletto ha risposto che "all’Umbria sono state assegnate risorse per un milione 216mila euro. A marzo 2022 il Ministero della Salute ha chiesto all’Umbria il programma per il fabbisogno complessivo e per interventi prioritari, e sempre a marzo la Regione la Regione ha chiesto alle aziende Usl Umbria 1 e Usl Umbria 2 di comunicare i fabbisogni e di trasmettere la documentazione. A fine ottobre l’Usl Umbria 2 ha trasmesso i fabbisogni per 560mila euro, e a metà novembre lo ha fatto anche l’Usl Umbria 1 per 656mila euro. Il primo dicembre la Regione ha inviato la documentazione al Ministero e siamo in attesa di riscontro. Successivamente sarà stipulato uno specifico accordo per definire le modalità di erogazione delle risorse ripartite". Nella sua replica Mancini si è detto "soddisfatto della replica dell’Assessore, auspico che queste risorse non vengano disperse e la invito a monitorare costantemente. Siamo un pò indietro. Invitiamo tutti a velocizzare. Anche se gli episodi sono rari è meglio prevenire che curare. Questo è un tema a tutela delle persone ma anche del personale sanitario".
19/1/2023 ore 3:35
Torna su