Domenica 03/07/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:29
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
I pentastellati narnesi restano fedeli a Conte, Tramini: "per noi non cambia assolutamente nulla"
La decisione di Luigi Di Maio di lasciare il Movimento 5 Stelle potrebbe prima o poi avere dei riverberi anche a livello locale. Il fatto che a seguire il ministro pentastellato siano stati già una cinquantina di deputati ed una decina di senatori la dice lunga su quello che la scelta di Di Maio potrà determinare all'interno dei grillini. In Umbria, fino a questo momento, il solo deputato Filippo Gallinella avrebbe deciso di aderire al nuovo progetto lanciato da De Maio. In una nota i pentastellati umbri precisano che: "Le nostre idee e le lotte per tutelare i nostri territori non sono in vendita. Mentre c’è chi getta la spugna in cerca di un futuro migliore per sé, noi continuiamo a guardare lealmente agli impegni e al mandato che a livello locale ci hanno dato i cittadini. Mai come in questa fase – aggiungono – il nostro Paese ha bisogno di un’opposizione credibile. Mandiamo un abbraccio a chi resta e, senza nessun livore, mandiamo un saluto a Filippo Gallinella che ha fatto questa scelta in totale solitudine". Per quanto riguarda Narni, il neo eletto consigliere comunale Luca Tramini afferma che "restiamo con Conte, ma con lui resta tutto il Movimento 5Stelle a livello regionale e quindi non cambia assolutamente nulla. Quella di ieri (lunedi 21 giugno ndr) è stata una scelta personalistica di pochi che non ha nulla a che fare con la volontà dei cittadini e di chi lavora sui territori". Certo a pochi giorni dal risultato delle urne, con il M%s che a Narni ha raccolto il 6%, sarebbe da capire quanti di quelli che hanno votato a favore dei grillini siano pro-Conte o pro-Di Maio. In altre parole sarebbe da capire se i simpatizzanti di Di Maio che a Narni hanno votato M5S, sono d'accordo nella decisione di chi è stato eletto di salutare il ministro scissionario per rimanere fedeli a Conte".
23/6/2022 ore 2:53
Torna su