Mercoledì 25/05/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Dal 4 dicembre in edicola la nuova Guida di "Repubblica" che parla delle bellezze di Amelia, Narni e Sangemini
Amelia, Narni, San Gemini. Tre comuni, tre centri di gravità per la nuova Guida di Repubblica. Un prodotto che, per la prima volta, si presenta con tre diverse copertine. Nel volume, in edicola e in libreria dal 4 dicembre, i borghi vengono raccontati attraverso le ricchezze dei loro centri storici e delle loro campagne. Vengono ripercorse la storia e le grandi produzioni tipiche, la biodiversità e la vivacità culturale, per poi attraversare il territorio che si apre nelle vicinanze. Le foto storiche raccontano di un passato le cui tracce si ritrovano oggi tra i vicoli, e tra i volti. E proprio in merito ai volti sono decine i personaggi legati al territorio che raccontano le loro esperienze e danno i loro consigli: da Peter Stein e Maddalena Crippa a Massimo Dapporto, da Umberto Orsini a Giuliano Montaldo, da Maria Grazia Cucinotta a Massimo Giletti. Immancabile, un ricordo di Gigi Proietti e del suo profondo legame con Amelia. La scoperta dei territori si allarga così con gli itinerari che portano a Terni e alla Cascata delle Marmore, ad Otricoli, a Todi ed Orvieto. Seguono oltre 120 consigli sulle migliori tavole di questo angolo di regione, quasi 100 sui luoghi del gusto in cui acquistare golosi souvenir e più di 60 dimore nelle quali prolungare la sosta. Una corposa sezione è dedicata ai produttori di vino dell'area, fino ad arrivare alle 16 ricette degli chef da riproporre in casa. “Se vai a scavare dentro le radici di Amelia, Narni e San Gemini – scrive nella sua introduzione al volume il direttore delle Guide di Repubblica Giuseppe Cerasa - trovi quell’humus che rende non facilmente sradicabili le radici di un popolo, di una comunità, che si allargano nelle campagne e nei centri storici, si aggrappano all’architettura e alla storia, all’identità delle persone, al lavoro degli artigiani, dei contadini, delle professioni, degli imprenditori. E di volta in volta ti sorprende quando assume le sembianze di un grande regista teatrale, di un artista contemporaneo, di una sublime attrice, di uno scrittore di successo, di una imprenditrice illuminata, ma anche di un creatore di gioielli, di un produttore di vino e di olio, di un raffinato cuoco o di un sofisticato conoscitore del mondo dell’accoglienza. E si capisce fino in fondo che la vera essenza dell’Italia che resiste e guarda avanti si cela in luoghi dell’anima come Amelia, Narni e San Gemini, in grado di esercitare una irresistibile forza attrattiva per italiani e stranieri. Noi abbiamo pensato la guida per valorizzare e far luccicare questi mondi, avanguardia e orgoglio dell’Italia perbene”.
2/12/2020 ore 12:28
Torna su