Mercoledì 25/05/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:36
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Covid-19: il Comune di Narni ha avviato la seconda fase riguardante l'erogazione dei buoni spesa
L’amministrazione comunale ha avviato la seconda fase dell'erogazione dei 'bonus spesa' per l'acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità. Lo rende noto l’assessore alle Politiche Sociali, Silvia Tiberti. La stessa precisa che i buoni sono spendibili negli esercizi commerciali del comune di Narni. A tale proposito la Tiberti dichiara: "In considerazione dell'esperienza maturata dalla prima assegnazione di buoni spesa nel mese di aprile e della nostra priorità di dare risposte ai bisogni rilevati nel nostro territorio, abbiamo deciso di aumentare l'importo del bonus. E’ previsto infatti un bonus che va da un minimo di 200 euro ad un massimo di 400. Abbiamo inoltre contemplato la possibilità di utilizzare fino ad un massimo del 50 per cento del contributo per l'acquisto di vestiario, anch'esso di prima necessità. Il bonus è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio presente nel nucleo familiare con meno di 16 anni". In merito alla tempistica, l’assessore specifica che sono previste due fasi: La prima è la pubblicazione di un avviso agli esercizi commerciali interessati con formalizzazione dell’offerta. "Mercoledì - è sempre la Tiberti a Parlare -, effettueremo una prima pubblicazione dell'elenco degli esercenti disponibili". La seconda fase riguarda l'istanza del beneficiario che dovrà indicare l'esercizio o gli esercizi commerciali dove utilizzare il buono. "In merito ai destinatari – chiarisce la Tiberti - abbiamo deciso di individuare chi ha subito l'interruzione dell'attività lavorativa o la sua consistente riduzione di almeno uno dei componenti del nucleo familiare. Chi ha avuto una riduzione del reddito a seguito di grave malattia o decesso di un componente del nucleo familiare precettore del reddito principale, i titolari di partita iva e altre categorie come liberi professionisti, le cui attività siano cessate o sospese successivamente all'entrata in vigore delle misure di contenimento dell'epidemia. Chi infine è in possesso di un Isee relativo all'anno 2020 con valore inferiore a 15mila euro". L'avviso rimarrà aperto sia per gli esercizi commerciali interessati che per i beneficiari fino al 31 dicembre e comunque fino ad esaurimento dei fondi. Sul sito del Comune verranno pubblicati i numeri utili da poter contattare.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
9/12/2020 ore 11:25
Torna su