Mercoledì 28/07/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:18
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
L'Unitre scrive una "lettera natalizia" al nostro direttore: "I narnesi, l’Università delle Tre Età e la solidarietà"
Riceviamo dalla Unitre di Narni e pubblichiamo, la lettera che segue, firmata dal presidente Antonio Fresa. "Egregio direttore, in questo difficile periodo volevo raccontare una vicenda che esprime, davvero in maniera forte, la capacità ad essere solidali che i narnesi sanno esprimere. Questa esperienza diventa ancora più significativa con l’approssimarsi di un Natale del tutto particolare, che vede le nostre abitudini e tradizioni messe a dura prova. Quest’anno è stato ed è difficile anche per la Università delle Tre Età di Narni, di cui ho l’onore di essere il presidente. L’impossibilità a riunirci ed a stare insieme ci ha costretto a trovare altri modi per mantenere viva quella rete di rapporti umani che costituisce il più grande patrimonio che abbiamo saputo costruire nella città di Narni. Per ovvi motivi anagrafici, una buona parte dei nostri iscritti non frequenta in maniera semplice e immediata i 'social' o gli altri strumenti digitali. In molti casi per noi, pur continuando a proporre un buon numero di incontri 'on-line', anche grazie alla collaborazione con altre sedi della Unitre umbra, è stato più efficace usare strumenti di comunicazione più tradizionali, più diretti e personali. Come si dice in tanti altri campi, abbiamo cercato di mantenere il contatto umano con tutti ed offrire la possibilità di raccontare il momento che stiamo oggi vivendo e di esprimere le esigenze che si andavano palesando. Crediamo, grazie alla buona volontà dei membri del direttivo e con il supporto dei nostri iscritti, di essere riusciti a mantenere forte il legame fra noi. All’inizio di quest’anno accademico, non avendo certezza delle attività che avremmo potuto proporre agli iscritti – sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo – abbiamo deciso, come Direttivo, di dimezzare la quota di iscrizione. I narnesi, con il loro slancio e il loro affetto per l’Unitre, ci hanno sostenuto in questo passaggio. Non solo abbiamo confermato quasi tutti gli iscritti del precedente anno, ma abbiamo accolto un buon numero di nuove iscrizioni. Tante persone che hanno sottolineato la loro volontà di sostenerci in questo difficile passaggio. Insomma, i narnesi sono stati solidali con l’Unitre e ci hanno dato un concreto segnale del radicamento della nostra associazione nel tessuto sociale della città. Per noi questo è un messaggio importante che ci spinge a moltiplicare gli sforzi per resistere in questo passaggio e per rinnovare la nostra offerta per il futuro con nuove proposte e nuove idee. Un grazie a tutti i narnesi e buon Natale a tutti".
Antonio Fresa - Presidente Unitre Narni
24/12/2020 ore 12:43
Torna su