Mercoledì 25/05/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:35
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
De Rebotti propone una stretta collaborazione con Terni, Bruschini: "l'idea è buona ma non si facciano gli errori del passato"
Approva l'idea di rafforzare il rapporto fra amministrazioni comunali ma avverte: "non si ripetano gli errori fatti in passato". E' Sergio Bruschini a commentare positivamente l'idea manifestata dal sindaco di Narni De Rebotti, riguardo alla proposta di costituire un 'laboratorio della conca ternana'. "Si tratterebbe - spiega Bruschini - di creare una realtà che veda la stretta bpartecipazione del Comune di Terni e della Regione Umbria. L’iniziativa a mio avviso può avere una sua ragion d’essere, in virtù soprattutto delle enormi potenzialità e delle occasioni che si aprono con le risorse messe in campo dalla programmazione europea e dai 'recovery fund'. Come partito non faremo mancare il nostro sostegno a questa possibile sinergia da attuarsi con il coinvolgimento non solo delle istituzioni ma anche delle stesse forze sociali. E' innegabile - continua l'esponente narnese di Forza Italia - che il 'sistema conca ternana' da sempre 'costringe' Narni e Terni a ragionare su sistemi comuni e su asset condivisi, che vanno dallo sviluppo economico, alla sanità ed alle infrastrutture. Dobbiamo altresì rimarcare che l'idea non è quindi così originale, in quanto già in altre occasioni altri sindaci hanno tentato di proporre sinergie collaborative simili a quella di oggi. Ne cito una tanto per andare a pescare nei ricordi; mi riferisco a quella del Consorzio Terni, Narni, Spoleto, che sul medesimo principio di collaborazione tentò di mettere a sistema una politica di infrastrutture industriali comune. L'idea era più che valida solo che l'organizzazione che venne messa in piedi non fu all’altezza, al punto che i risultati prodotti sono stati quelli che tutti noi concosciamo. Partiamo quindi dal presupposto che le 'vecchie strade' vanno evitate, quindi questa volta si instauri davvero una collaborazione su quei progetti che possono essere realmente e da subito messi a sistema, senza creare altre 'sovrastrutture' istituzionali. Si predisponga da subito su questo argomento, un consiglio comunale congiunto tra le due città, che possa elaborare un atto d'indirizzo condiviso dove trovino spazio la concretezza e l'immediata attuazione di una cabina di regia tra i due comuni".
25/2/2021 ore 3:15
Torna su