Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:08
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Vigili con l'autovelox sul Ra.To.: cento multe al mese per eccesso di velocità. Longhi: "C'è stato anche chi con una Porsche viaggiava a 246 all'ora"
Autovelox croce e delizia: croce per gli automobilisti, delizia per i comuni. La polizia municipale di Narni da una decina di mesi ha ripreso a pattugliare con la temuta macchinetta il tratto di raccordo Terni-Orte di sua competenza ed i risultati, visti dalla parte del cassiere comunale, sono stati eccellenti. E’ come andare a pesca in un invaso artificiale dove le trote sono in quantità tale che basta gettare l’amo ed un attimo dopo una di esse ha di sicuro abboccato. Il limite di velocità massima consentito lungo il Ra.To. è di 90 km orari, un limite in verità esagerato e difficile da rispettare ma giustificato dalle normative previste dal codice della strada. Ma a 90 non ci va nessuno ed allora, con la macchinetta tarata intorno ai 105 orari, non è difficile per i vigili narnesi riempire un rullino da 36 pose nel giro di tre quarti d’ora, a volte anche meno. Nell’ultimo bimestre la municipale di Narni ha redatto 190 verbali per eccesso di velocità riscontrato attraverso l’autovelox installato lungo il raccordo. “La gente corre ovunque-spiega il tenente Remigio Longhi vice-comandante della municipale narnese-ma sulla superstrada ancora di più. Il limite massimo misurato dal nostro autovelox? E’ capitato una mattina con una Porsche che è passata davanti alla nostra postazione a 246 all’ora, ma non è raro trovare gente che viaggia come se niente fosse a 190”. Longhi ne ha di aneddoti da raccontare: “Ci sono stati automobilisti i quali una volta accortisi della nostra presenza, escono al primo svincolo e tornano indietro per sapere se avevano superato il limite e ci supllicano di dirglelo, ma c’è stato anche chi si è presentato al comando facendo un gran baccano per il verbale ricevuto a casa”. Lungo il raccordo passa gente di tutta Italia quindi le multe elevate dai vigili narnesi vanno a finire nelle case di automobilisti di chissà dove. “A differenza di quanto avviene normalmente-spiega il tenente Longhi-facciamo in modo che le multe elevate con l’autovelox vengano notificate agli automobilisti nel giro di tre settimane, massimo un mese; questo per far si che sia più facile per i multati risalire a chi guidava la macchina il giorno della infrazione”. Il servizio di controllo con l’autovelox viene sempre concertato dalla municipale narnese con gli altri organi di polizia: “C’è un accordo in questo senso con la polizia stradale di Terni-conferma Longhi-alla quale inviamo preventivamente un fax ogni volta che decidiamo di appostarci sul raccordo; questo per evitare contrapposizioni e particolari vessazioni nei confronti degli automobilisti, è capitato infatti che qualcuno abbia preso due multe per eccesso di velocità nel raggio di pochi chilometri”.
30/6/2004 ore 5:12
Torna su