Lunedì 09/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 02:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Testaccio: telefonia mobile precaria, i cittadini per poter parlare sono costretti a scendere in strada
Telefonia mobile, out a Testaccio. Non è una novità, ma è proprio questo a mandare su tutte le furie gli abitanti del quartiere che chiedono da anni una soluzione a questo loro problema. “Sono almeno dieci anni – spiegano i residenti di Testaccio – che ci sentiamo fare delle promesse che puntualmente non vengono mantenute. Un paio di anni fa sembrava che la soluzione ai nostri problemi fosse dietro l’angolo, grazie all’idea avuta dall’amministrazione comunale di installare un ripetitore sulla collina di fronte alle nostre case. In realtà questo ponte non è mai stato messo e qui da noi tutto è restato uguale. I segnali, di qualsiasi gestore, arrivano molto debolmente e dentro casa è pressoché impossibile poter parlare; allora siamo costretti ad uscire fuori di casa, alla faccia della privacy, perché se ti metti sotto le finestre di qualcuno, chiunque può ascoltare la tua conversazione. Al di la di questo diventa problematico pensare di parlare per strada, magari quando piove o è freddo,oppure in piena notte”. Non va meglio con il traffico dati. “Le connessioni ad internet – spiegano i cittadini di Testaccio – da queste parti ce le sogniamo. Il 3g è un’utopia e le chiavette non prendono. Per navigare possiamo solo utilizzare la rete fissa, ma anche qui c’è un problema; il gestore, infatti, non è in grado di assegnare a chiunque ne faccia richiesta l’adsl, perché la cabina è ‘satura’, così sono solo pochi gli ‘eletti’ ad avere in casa l’adsl. Insomma è una situazione insostenibile che ci penalizza in modo molto grave. Considerando che siamo uno dei quartieri più densamente popolati di Narni è ancora più grave che succeda tutto questo, tra l’indifferenza dei nostri amministratori che fino ad oggi non sono stati in grado di andare oltre alle promesse”.
21/1/2015 ore 0:15
Torna su