Venerdė 06/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terremoto: nessun danno dopo la scossa di 2,9 Richter, gli esperti si interrogano
Una scossa isolata, abbastanza intensa e di carattere piuttosto "superficiale", ovvero si č verificata ad una profonditā molto relativa. Queste le caratteristiche dell'evento sismico verificatosi nella tarda serata di giovedi 27 febbraio in provincia di Terni. L'epicentro sarebbe stato rilevato sulle montagne che separano l'Umbria dal Lazio, pių segnatamente tra Calvi dell'Umbria e l'alta Sabina. La magnitudo registrata dai sismosgrafi č pari 2.9 e l'ora esatta in cui si č verificata la scossa č quella delle 21,52. Il terremoto č stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico dei Monti Sabini. Nessun danno č stato segnalato a cose o a persone. La scossa č stata avvertita in modo forte nei dintorni di Calvi (gli abitanti riferiscono di un "boato pauroso"), Otricoli, le frazioni narnesi (Itieli e Sant'Urbano in particolare) ma anche a Narni capoluogo ed in alcuni quartieri di Terni. Numerosi i paesi della provincia di Rieti dove la scossa č stata avvertita nettamente. Ci sono state numerose chiamate ai numeri di pubblica utilitā (forze dell'ordine e vigili del fuoco), ma solo per avere conferma che si fosse trattato davvero di una scossa di terremoto e non per segnalare situazioni di emergenza. Si tratta di capire quali possano essere le origini di questo movimento tellurico che sembra essere isolato rispetto ai tanti episodi registrati negli ultimi tempi nella vicina zona abruzzese ed in quella di Gubbio.
27/2/2014 ore 23:39
Torna su