Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: nasce il progetto "Antica Via Flaminia" che coinvolge Carsulae, Narni ed Otricoli
Valorizzare e promuovere le aree archeologiche di Carsulae e Otricoli e quella del ponte d’Augusto di Narni. Considerandole parte di un unico sistema, di un grande parco archeologico, ovvero di un museo diffuso, legato dal percorso dell’antica Via Flaminia. È questo l’obiettivo di fondo del progetto “Antica Via Flaminia” che coinvolge i comuni di Terni, Narni ed Otricoli i quali, grazie al finanziamento di Arcus Spa hanno potuto eseguire importanti interventi nelle aree archeologiche di loro competenza. Gli stessi si apprestano ora a promuoverle unitariamente in una logica di “progetto d’area”, grazie ad una “cooperazione interistituzionale”. Il progetto di comunicazione, assegnato - a seguito di una gara - alla società Space Spa, prevede la realizzazione di un logo e di un marchio “Antica Via Flaminia”, oltre alla creazione e alla gestione di una serie di strumenti strumenti informativi. Tra questi una nuova cartellonistica direzionale e informativa, corredata da alcune App specifiche per smartphone: “Sistemi di segnalazione tradizionali e innovativi che, integrandosi gli uni con gli altri dovranno contribuire a guidare i turisti lungo l’itinerario della Via Flaminia”. Sia le App che il nuovo sito web www.anticaviaflaminia.it, saranno attivi dal 18 maggio, giorno in cui il progetto sarà presentato ufficialmente nell’area archeologica di Otricoli, in occasione dell’evento “Ocriculum A.D. CLXVIII”, organizzato dal Comune di Otricoli. Il progetto di comunicazione per la valorizzazione dell’antica Via Flaminia, prevede poi – tra gli altri strumenti - l’organizzazione di tre workshop con esercenti, strutture ricettive e ristorative, operatori del settore turistico; l’organizzazione e realizzazione di lezioni didattico-educative per le scuole dei territori dell’alto Lazio e dell’Umbria meridionale; l’organizzazione e realizzazione di visite guidate per le scuole presso le aree archeologiche; attività informativa presso aziende e consorzi di promozione turistica e, infine, la predisposizione e la gestione di pacchetti turistici, da uno a tre giorni.
17/5/2013 ore 11:55
Torna su