Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: lavoratori che operano nel campo dell’energia rinnovabile protestano davanti alla Prefettura
Via della Stazione, a Terni, ieri mattina pullulava di lavoratori che operano nel campo dell’energia rinnovabile. Decine di loro hanno bloccato il traffico e sin sono fatti sentire dal Prefetto di Terni. A lui, al rappresentante del Governo, hanno spiegato le ragioni di tanta protesta perché se ne facesse interprete al Ministro dell’Industria prima della decisione sugli incentivi che verrà presa nella giornata odierna. Lo scontento è presto sottolineato: il Governo aveva tagliato gli incentivi mettendo il settore nell’incertezza, un’incertezza che era stata trasmessa anche agli operatori della “filiera”, che a Terni sono stimati in circa 500 unità. Le aziende locali del settore, tra le quali la GeProgetti&3I di Nera Montoro, hanno mobilitato i propri lavoratori ma a sostare rumorosamente sotto il palazzo della Prefettura c’erano anche i rappresentanti delle altre imprese, quelle installatrici, che compongono il mosaico interessante del settore. “Vogliamo certezze - ha sostenuto Enrico Giovannini, ad della GeProgetti&3I di Nera Montoro – certezze che ci servono per esprimere il nostro potenziale: in questo momento è necessario una sinergia tra le imprese, le banche, il territorio ed il Governo per tramutare questo settore in un vero volano per l’economia italiana”. Una delegazione di lavoratori ed imprenditori, unitamente ai rappresentanti provinciali dei sindacati dell’energia della Cgil, Cisl ed Uil, sono stati ricevuti proprio dal Prefetto di Terni. Hanno partecipato alla manifestazione anche i rappresentanti dei Comuni di Terni e Narni oltreché dell’Amministrazione Provinciale.
27/4/2011 ore 12:05
Torna su