Giovedì 02/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 13:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: evade dagli arresti domiciliari per inseguire e aggredire la sua ex convivente, arrestato dai carabinieri un pregiudicato di 39 anni
Era agli arresti domiciliari ma è uscito da casa per pedinare la sua ex convivente e tentare di aggredirla. Un gesto che gli è costato caro perché è stato arrestato e condotto in carcere. E’ successo a Terni, nel pomeriggio di ieri, quando i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno tratto in arresto per evasione dagli arresti domiciliari un uomo, M. M. di 39 anni, residente nel capoluogo. La misura cautelare è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Terni in seguito ai ripetuti reati di violazione alla misura di prevenzione dell’obbligo di dimora nel comune di Terni cui l’uomo era stato sottoposto in passato. L’arresto è avvenuto a seguito di un intervento dei carabinieri che sono intervenuti presso una lavanderia del centro cittadino in seguito alla segnalazione riguardante la presenza di un uomo che aveva tentato di aggredire una donna all’interno del locale. Giunti sul posto i militari trovavano la proprietaria del negozio ed una donna ternana di 33 anni, quest’ultima riferiva che poco prima il suo ex convivente aveva cercato di picchiarla con una spranga inseguendola per strada e che lei, per sottrarsi al pericolo, si era rifugiata all’interno della lavanderia. I carabinieri si sono messi sulle tracce dell’uomo e poco dopo lo hanno trovato nei pressi di una fermata dell’autobus in una via non lontana dal luogo dell’aggressione. Da successivi controlli emergeva che l’uomo, già gravato da numerosi precedenti penali per reati contro la persona e contro il patrimonio, era sottoposto agli arresti domiciliari nel suo domicilio ternano e quindi venivano fatte scattare le manette ai suoi polsi con l’accusa di evasione. L’arrestato si trova ora nel carcere di Sabbione. L’uomo il mese scorso si era già reso responsabile di un analogo episodio, in quella occasione era salito su un autobus di linea ed aveva aggredito l’ex convivente procurandole la rottura del setto nasale ed alcune escoriazioni al volto.
6/4/2006 ore 16:45
Torna su