Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: ancora niente barriere antirumore sul Rato, Leonelli (Pd) e Solinas (Misto-Mdp) sollecitano l’Anas
Un calvario che dura da tanti anni. Parliamo dei pannelli fonoassorbenti da installare lungo il Rato all'altezza di San Liberato per alleviare i disagi che vivono gli abitanti della zona. A perorare la causa dei cittadini della frazione narnese sono ora i consiglieri Giacomo Leonelli (Pd) e Attilio Solinas (Misto-MdP). "La gente di San Liberato - affermano i due in un comunicato -, da quasi dieci anni chiedono che sul tratto della E/45 che passa a pochi metri dalle loro abitazioni vengano installate barriere e protezioni fonoassorbenti. All’interrogazione da noi presentata nel novembre scorso, cui l’assessore preposto ha risposto dichiarando che nel mese successivo vi sarebbe stato un incontro con Anas sull’argomento, non sono seguite novità e interventi concreti. È tempo ormai che Anas si attivi e che una vicenda tanto annosa trovi soluzione superando difficoltà e pastoie burocratiche". Leonelli e Solinas annunciano la presentazione di una mozione che mira ad impegnare la Giunta affinché “solleciti Anas a trovare finalmente soluzioni congrue e rapide ad una richiesta più volte sollecitata dalla cittadinanza di San Liberato, che rivendica il suo giusto diritto a veder protette le sue abitazioni da un livello di rumore più volte accertato come intollerabile e superiore a quanto indicato dalle normative”. “San Liberato – spiegano Leonelli e Solinas - è la frazione di ingresso dell'Umbria, la porta di collegamento tra la nostra regione e l'A/1, e si sviluppa lungo tutto il tracciato della E/45, su cui si registrano notevoli volumi di traffico. Per questo San Liberato soffre enormemente e ogni anno di più, tanto per l'inquinamento ambientale quanto per quello acustico. Dopo le prime rilevazioni, avvenute ormai nel 2009, dei valori di tali emissioni, oggi la frazione narnese ha necessità di veder realizzate tali barriere antirumore con rapidità”. “Nonostante il fatto che il Comune di Narni abbia tentato di accorciare i tempi di installazione delle barriere fonoassorbenti - spiega ancora Leonelli -, dichiarandosi disponibile ad anticipare le relative risorse economiche, e sta pianificando nuove indagini ambientali per avere un ulteriore riscontro scientifico che dimostri quanto l'intervento sia urgente, Anas non ha ancora chiarito né le modalità né le eventuali tempistiche per risolvere quello che ormai è diventato un annoso problema per quella comunità di nostri corregionali. Un problema che, tra l’altro, ho potuto verificare personalmente anche di recente, recandomi alla Festa regionale dell’Unità e rilevando che la E/45 corre nelle immediate adiacenze delle abitazioni”.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
31/8/2018 ore 1:35
Torna su