Sabato 18/08/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:30
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ridimensionamento ufficio Inps: i sindaci di Narni e Amelia si oppongono alla decisione
I sindaci di Narni e Amelia, Francesco De Rebotti e Laura Pernazza, insieme ai sindacati, esprimono la loro contrarietà alla trasformazione delle attuali agenzie in punti Inps come deciso dalla direzione dell’istituto previdenziale. I due primi cittadini lo hanno detto, appoggiando pienamente la posizione dei sindacati, nel corso dell’incontro avuto con il direttore dell’area ternana dell’Inps, Stefano Lo Re. "La contrarietà - sostengono i due sindaci -, è sia nel merito che, soprattutto, nel metodo". I sindaci ribadiscono il sostegno alla posizione dei sindacati i quali chiedono il ritiro della decisione e il ripristino delle agenzie e di tutti i servizi da loro erogati. "Appare per lo meno ingeneroso - secondo De Rebotti e Pernazza -, sottoporre a trasformazione le due agenzie in semplici punti Inps, essendo questa l’unica scelta in tal senso in tutta l’Umbria e lontana quindi da un piano strategico dell’istituto a livello regionale". I due sindaci ricordano anche che "come ribadito durante l’incontro, i due Comuni, proprio per garantire la continuità del servizio, hanno messo a disposizione dell’Inps importanti presidi, sostenendone anche le spese. Risulta quindi del tutto immotivato il non coinvolgimento preventivo delle due amministrazioni, a fronte della scelta unilaterale di Inps". Nel corso dell’incontro i sindacati, con l’appoggio pieno dei sindaci, hanno chiesto l’apertura di un tavolo permanente finalizzato a formulare proposte migliorative del servizio offerto con la possibilità di una verifica continua del livello delle prestazioni, a fronte della garanzia fornita da Inps sul fatto che la trasformazione delle agenzie non penalizzerà né i cittadini, né i servizi stessi. De Rebotti, Pernazza e i sindacati vigileranno, affinché questa trasformazione non sia propedeutica a scelte più radicali da parte di Inps sottolineando ancora una volta indispensabilità della garanzia di continuità delle prestazioni e dei servizi erogati da Inps.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
7/2/2018 ore 2:00
Torna su