Lunedì 14/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Otricoli: si festeggiano i patroni San Vittore e San Fulgenzio, lunedi 13 maggio rievocazione dello sbarco sul Tevere
Ad Otricoli si festeggiano in questi giorni i patroni San Vittore e San Fulgenzio. La festa patronale costituisce per il paese di Otricoli la massima manifestazione religiosa e ad essa sono legate alcune manifestazioni folkloristiche. La sera del 13 maggio la comunità di si ritrova lungo le sponde del Tevere per la rievocazione del martirio di San Vittore, la cui salma, dalla Siria ricomparve sulle rive del fiume dove oggi è eretta una chiesa settecentesca appoggiata ai ruderi del convento benedettino. La statua del Santo a bordo di una barca risale la corrente nella grande ansa scortata da fiaccole e torce: il gioco dei riflessi della luce sull’acqua crea un’atmosfera davvero suggestiva tale da richiamare ogni anno centinaia di fedeli e turisti. Non appena la statua arriva sul suolo natio inizia la rappresentazione del martire; grazie a una imponente scenografia e minuziosi costumi dell’età romana, vengono riprodotte tutte le indicibili torture affrontate dal giovane soldato convertitorsi alla fede cristiana rinnegando le divinità venerate dall’Impero. Con Vittore viene torturata una giovane cristiana, Santa Corona. A conclusione del martirio, quando la testa mozzata del Santo precipita per le gradinate del patibolo, il narratore assicura la sua protezione agli otricolani di duratura fedeltà. Inizia così la camminata dei fedeli in processione verso la Chiesa Collegiata al vertice dell’altura del paese, su un sentiero tracciato da lumini e fiaccole. Il 14 maggio si svolge invece la processione nella quale la reliquia della testa del Santo, racchiusa nel reliquario offerto dal Comune nel 1669, viene portato nelle vie del paese. Il Comune offriva anticamente in questa ricorrenza un pasto a fuoco, cioè a famiglia. Si svolgeva una corsa di cavalli “barberi o saraceni” per la quale la magistratura offriva il Palio. L’usanza durò fino alla meta del 1700 fu sospesa dal vescovo di Narni.
13/5/2013 ore 13:28
Torna su