Domenica 16/06/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:54
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Orvieto: maxi-rissa nella notte sul treno che riportava a casa i tifosi di Roma e Napoli, duro lavoro per le forze dell'ordine ternane
Attimi di panico alla stazione di Orvieto dove la notte scorsa, intorno all'una meno dieci, il treno espresso 751 proveniente da Bologna e diretto a Reggio Calabria, con a bordo i gruppi delle tifoserie della Roma e del Napoli, si è dovuto fermare a causa degli scontri, avvenuti mentre il convoglio era in viaggio, tra i due gruppi. Quattro supporters napoletani sono stati aggrediti e feriti dai tifosi romanisti, anche con armi taglio, e sono stati trasportati presso il pronto soccorso orvietano. I quattro giovani hanno subìto lesioni lacero contuse, ferite da taglio ed uno di loro una frattura; le prognosi variano dai 5 ai 30 giorni. Ricevuta la notizia da parte del personale delle ferrovie presente a bordo del treno, sono intervenuti prontamente agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Orvieto, personale dell’Arma dei Carabinieri e del posto Polfer, successivamenti integrati da altri uomini della squadra mobile e della Digos, inviati immediatamente dal questore di Terni, e da contingenti di rinforzo provenienti dai reparti mobile di Roma e Firenze inviati dal Dipartimento della P.S. e giunti nel giro di pochissimo tempo. Ciò fa parte di un piano d’intervento coordinato dal centro che permette di intervenire in qualsiasi momento allorché si manifesta una situazione di “crisi”. Esperiti i primi accertamenti, si e’ proceduto all’accompagnamento presso il Commissariato di p.s. di Orvieto di una decina di giovani tifosi romanisti, tre dei quali sono stati tratti in arresto in quanto autori dei gravi episodi. 25 tifosi napoletani, tutti identificati e trattenuti presso la stazione ferroviaria di Orvieto, sono stati sottoposti a stretta vigilanza e, una volta eslcusa la loro responsabilità, sono stati fatti ripartire. Circa 219 tifosi romanisti sono stati trasportati con automezzi messi a disposizione dal comando del centro addestramento di specializzazione della Guardia di Finanza presso i locali della citata struttura dove personale della Digos ha proceduto all’identificazione. L'operazione è stata compiuta in collaborazione con il personale della guardia di finanza in servizio presso il citato istituto d’istruzione. Un'altra trentina di minorenni sono stati trattenuti presso il centro di addestramento in attesa dell’arrivo dei genitori. Il convoglio ferroviario, sgomberato dalle tifoserie, e’ ripartito intorno alle 8,30. I tifosi napoletani sono tutti ripartiti nella mattinata; quelli romanisti hanno lasciato Orvieto successivamente. Nonostante l’eccezionalità dell’evento non si sono registrati ulteriori momenti di crisi grazie all’intervento immediato delle forze dell’ordine, secondo un dispositivo preordinato che prevede l’intervento coordinato di tutte le forze di polizia presenti sul territorio in caso di situazioni di particolare gravità e per la prevenzione di maggiori e più gravi eventi.





24/1/2005 ore 18:55
Torna su