Venerdì 14/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Nera Montoro: la Forestale sequestra una discarica abusiva creata in un piazzale situato a pochi metri dalle case
Sequestro penale. Il piazzale sterrato, di proprietà privata, situato a Nera Montoro, a pochi metri dalle case del paese, che nei mesi scorsi era salito alla ribalta delle cronache per essere stato trasformato in una discarica a cielo aperto, due giorni fa è stato posto sotto sequestro dalla Forestale. Gli uomini della stazione di Narni, coordinati dal maresciallo Giuseppe Cipolla, a seguito di segnalazioni ricevute dai cittadini, hanno raggiunto il piazzale e dopo aver constatato la drammatica situazione ambientale presente in quell’area, non hanno avuto esitazioni e dall’auto di servizio hanno tirato fuori il nastro bianco e rosso, paletti, cartelli e piombi con i quali hanno delimitato e posto sotto sequestro gli oltre mille metri quadrati di superficie trasformata in discarica. Nel grande piazzale, che viene usato come parcheggio in occasione di feste ed altri eventi che hanno luogo nel paese di Nera Montoro, negli ultimi mesi erano spuntati decine di mucchi di materiale inerte, mattonelle, sanitari, pezzi di legno, vetro, plastica, sacchetti pieni di calcinacci e blocchi di bitume. Un campionario di schifezze, insomma, scaricate in quel luogo da ignoti i quali anziché portare i materiali di risulta nei centri di raccolta appositi, hanno preferito disfarsene in modo incivile e dannoso per l’ambiente. Ora spetterà alla Procura della Repubblica di Terni decidere come procedere; l’indagine è partita e gli uomini del Corpo Forestale dello Stato rialiranno al proprietario del terreno che verrà convocato in caserma per rispondere di come sia stato possibile che sulla sua proprietà siano state abbandonate tutte quelle tonnellate di rifiuti. Il primo atto dovuto, funziona sempre così, sarà quello di chiedere allo stesso proprietario di effettuare la bonifica completa dell'area occupata dalla discarica. Il fatto grave è che già a dicembre dello scorso anno proprio il nostro portale aveva denunciato lo stato di grave degrado in cui versava il piazzale, soprattutto sul lato che si affaccia verso il bosco, dove erano ben visibili centinaia di metri cubi di materiale inerte che formava un fronte di una ventina di metri e che negli anni era avanzato di molti metri, mangiandosi una vasta porzione di bosco e creando danni all’ambiente visibilissimi: alberi piegati a metà ed altri ormai sepolti sotto una valanga di rifiuti con il rischio di inquinamento delle falde acquifere. Quello che deve indurre ad una riflessione è il fatto che da sei mesi a questa parte, dopo la nostra denuncia che aveva portato ad un intervento da parte dell’assessorato all’Ambiente del Comune di Narni, nessuno abbia fatto nulla per interrompere questo scempio. A dicembre il Comune chiamò il proprietario del piazzale informandolo di quanto stava accadendo; l'uomo si arrabbiò moltissimo e disse che avrebbe immediatamente provveduto a recintare il piazzale in modo tale da impedire l’accesso a chiunque, ma il provvedimento, evidentemente, non è mai stato preso e la gente ha continuato a gettare tonnellate di rifiuti sul terreno di sua proprietà. L’assessore all’Ambiente Roberta Isidori mostra tutta la sua indignazione: “di fronte alla inciviltà della gente c’è poco da fare – afferma sconsolata -. E dire che esiste da anni un servizio gratuito che permette a tutti i cittadini di poter portare i rifiuti ingombranti presso la piattaforma dell’Asit a Maratta, ma sono solo in pochi ad usufruirne”.




1/6/2009 ore 11:28
Torna su