Venerdì 03/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Nera Montoro: fermate tagliate alla stazione, Sinistra Ecologia Libertà chiede al sindaco di intervenire
La recente decisione di Trenitalia di tagliare alcune fermate presso la stazione di Nera Montoro, sta creando preoccupazione non solo tra i tanti pendolari che quella stazione la utilizzano per i loro spostamenti ma anche nel mondo politico narnese. Alfonso Morelli (SeL) ha inviato una interrogazione al sindaco per conoscere nel dettaglio quelle che saranno le decisioni ufficiali di Trenitali. “Dopo gli ormai noti problemi della stazione di Narni Scalo – afferma Morelli - , sembra che anche la stazione di Nera Montoro sia in fase di declassamento o comunque che verrà parzialmente soppressa come dimostrano i nuovi orari che saranno in vigore a metà dicembre. Un ulteriore danno ed umiliazione per il territorio narnese che, già fortemente in sofferenza per la congiutura economica contingente, si vedrà ulteriormente depotenziato nei servizi; ma questa presa di posizione rappresenta una ulteriore offesa per tutti i pendolari che ogni mattina si trovano ad affrontare ingiustamente numerose difficoltà per affermare il proprio diritto al lavoro”. Morelli chiede al sindaco Bigaroni e alla giunta “di farsi portavoce presso Trenitalia delle difficoltà dei pendolari che frequentano le stazioni dello Scalo e di Nera Montoro, di pretendere dalle FS una programmazione condivisa con l' Amministrazione Comunale per evitare ulteriori difficoltà a chi per lavoro si sposta giornalmente con i mezzi pubblici, di far presente tale situazione all'amministrazione provinciale e regionale affinchè si facciano anche loro carico di questa delicata ed incresciosa situazione”. “Non si possono subire passivamente – conclude Morelli - le scelte di programmazione dei treni, dei relativi disagi e disservizi delle ferrovie dello stato così come le disattenzioni della classe politica regionale e nazionale che sembra aver dimenticato questo territorio”.
15/12/2010 ore 13:48
Torna su