Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: una serie di incontri con gli alcolisti ed i loro famigliari per parlare delle loro storie
Riscoprire il valore delle storie di vita delle persone e delle famiglie dei Club Alcologici Territoriali, per restituire loro dignità e senso, ma anche per attribuire significato agli eventi del passato. E’ così che tante storie di vita vengono “salvate” per restituirle alle comunità in funzione di un loro uso educativo e di una più che mai indispensabile loro circolazione e condivisione sociale per lo sviluppo dell’intera comunità. E’ lo scopo del progetto “Raccontiamoci….” promosso dall’Acat di Terni, Narni e Amelia e condiviso con altre associazioni e istituzioni che sul territorio si occupano delle persone con patologie alcol-correlate. Si tratta di uno dei progetti scelti tra quelli presentati nell’ambito del “Bando per la raccolta, selezione e sostegno di proposte per lo sviluppo di progetti di solidarietà e impegno sociale 2013-2014”, promosso dal Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Terni. Il via a “Raccontiamoci…” ci sarà giovedì 6 novembre, con il primo dei cinque incontri del laboratorio autobiografico per raccoglitori di storie, che si terranno nella sede dell’associazione Minerva di Narni Scalo. Accanto all’Acat la Cooperativa Sociale Cipss e l’associazione culturale Minerva, il patrocinio della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari, del Comune di Narni e della Usl2. “Raccontiamoci ….. vuole mettere a confronto la fragilità emotiva e la sofferenza legata all’abuso di alcol o altre sostanze - spiega Loredana Bobbi, coordinatrice del progetto - e segue la modalità autobiografica, per aiutare le persone anche a conoscere e ad esprimere il proprio disagio emotivo attraverso la narrazione della propria storia personale. Il progetto di raccolta di narrazioni sarà realizzato con il coinvolgimento delle famiglie dei Club, per avviare una Mnemoteca per raccogliere storie e dati, momenti ed emozioni”.
3/11/2014 ore 12:15
Torna su