Venerdì 23/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: studenti a scuola di ecologia, alla media "Valli" presentati i nuovi ecoshoppers biodegradabili
Ieri mattina, presso la scuola media “Luigi Valli” di Narni, si è tenuto un incontro con gli studenti sul tema della messa al bando delle buste di plastica e l'introduzione degli shoppers biodegradabili. All’incontro hanno preso parte l'assessore all'Ambiente del Comune di Narni Roberta Isidori, la dottoressa Turrini della Provincia di Terni, la dottoressa Riganelli della Novamont, il presidente dell'Asit Sergio Saleppico ed il presidente della Confesercenti. All'iniziativa è stato presentato "Mr.Bi", lo shopper biodegradabile, compostabile, che rispetta l'ambiente e può essere riutilizzato per la raccolta differenziata della frazione organica. "Mr.Bi" arriva nella provincia di Terni all'interno del progetto Eco-shopping, promosso da Provincia di Terni, Confcommercio, Confesercenti, in collaborazione con Novamont e Ceplast, a seguito del provvedimento che a partire dal 1 gennaio scorso vieta la commercializzazione dei sacchetti di plastica non biodegradabili per l'asporto di merci. L'obiettivo del progetto è promuovere l'adeguamento degli esercizi commerciali alla nuova normativa, con indubbi effetti positivi sull'ambiente. E' stato calcolato che il completo passaggio agli shoppers biodegradabili produrrà nella provincia di terni un risparmio annuo di gas serra equivalenti da un minimo di 29 tonnellate di Co2 e 15 tonnellate di petrolio ad un massimo di 190 t di Co2 e 225 t di petrolio. All'incontro si è sottolineata l'importanza anche economica dei nuovi settori industriali della chimica verde, legata all'agricoltura, e della raccolta differenziata, al fine di sensibilizzare i ragazzi e, loro tramite, le famiglie narnesi ad acquisire una maggiore consapevolezza nei comportamenti e nelle pratiche che hanno a che fare con il rispetto e la salvaguardia dell'ambiente che ci circonda.
22/1/2011 ore 1:15
Torna su