Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Sinistra Ecologia Libertà chiede di realizzare un piano del traffico condiviso da tutti
Chiedono che venga realizzato un piano della viabilità “partecipato e condiviso da varie componenti”. La proposta arriva dal Circolo narnese di Sinistra Ecologia Libertà che affronta “l’annoso problema che coinvolge in maniera importante i due centri più grandi del nostro comune: il centro storico e lo Scalo”. “Un tema – dicono i sostenitori del partito di Vendola -, che riguarda le numerose urbanizzazioni lungo via Tuderte ed il centro storico, ma che vede situazioni critiche sparse per l’intero territorio come ad esempio il pericoloso incrocio che dalla Flaminia si immette verso la frazione di Ponte San Lorenzo. Riteniamo quindi urgente programmare la stesura di un piano della viabilità partecipato e condiviso, per promuovere il recupero ed il rilancio dei luoghi di aggregazione sociale come piazze, strade, aree pedonali e per avere un centro storico, specialmente alla luce della realizzazione del passaggio pedonale che collegherà il Suffragio con via dell’Asilo, che renda la città viva per i residenti ed accogliente per i turisti. Ricordiamo ancora una volta – dicono da Sel -, che il Consiglio Comunale ad inizio 2009 aveva impegnato la Giunta municipale ad affrontare il tema viabilità proponendo delle soluzioni condivise che sarebbero dovute emergere grazie ad assemblee cittadine da convocare non oltre il 15 aprile 2009. Non solo. La prima Commissione Consiliare doveva affrontare il tema della viabilità in specifiche sedute. Ma ad oggi non si è fatto nulla. Senza considerare, infine, che il progetto ‘Piedibus’ per la promozione della mobilità alternativa nelle scuole è stato annunciato da oltre due anni ma non è mai stato realizzato a differenza di molte realtà umbre, come Terni ed Amelia, che in breve tempo lo hanno seriamente concretizzato. È troppo complicato confrontarsi pubblicamente su questi temi?”.
17/2/2011 ore 14:07
Torna su