Mercoledì 23/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:50
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: sugli alberi abbattuti interviene anche il Pdci, ma l'assessore Di Mattia risponde che "tutte le procedure sono state rispettate"
Continua a far rumore la vicenda degli alberi fatti abbattere dal Comune al parco pubblico di Narni Scalo per permettere agli organizzatori di “Narni Open Air” di montare il grande teatro all’aperto. Dopo le critiche arrivate dagli esponenti di An e di Rifondazione Comunista è la volta ora del partito dei Comunisti Italiani. E’ Marco Ricci che si fa portavoce del Pdci e che accusa senza mezzi termini l’assessore all’Ambiente del Comune Gianni Di Mattia: “Che ruolo ha avuto in tutta la faccenda? – si chiede Ricci – possibile che non si sia reso conto del danno arrecato al patrimonio boschivo della nostra zona? I responsabili di ‘Narni Open Air’ hanno voglia a dire che in luogo dei sette alberi abbattuti ne verranno ripiantati più di trenta. Lo sanno tutti che non è la stessa cosa e che a far diventare grande e rigoglioso un pino marittimo ci vogliono anni”. Pronta la risposta dell’assessore Di Mattia. “I rappresentanti dei Comunisti Italiani non sono evidentemente informati – spiega – altrimenti saprebbero che ogni decisione riguardo l’abbattimento dei famosi pini al parco pubblico è stata presa di concerto con tutte le componenti istituzionali, primi fra tutti i responsabili della Comunità Montana. Prima di procedere all’abbattimento sono stati fatti dei sopralluoghi per capire se era possibile reimpiantare gli alberi a qualche metro di distanza, ma data la stagione questo non è stato possibile. C’è un’azione costante da parte nostra riguardo alla piantumazione di nuove essenze. Basti dire che per ogni nuovo nato nel nostro comune, piantiamo un albero in uno dei nostri parchi”.
16/6/2006 ore 11:26
Torna su