Lunedì 21/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:11
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: sindaco, vescovo e assessore insieme al Pala-Avis per parlare dei disagi giovanili
I fatti luttuosi accaduti negli ultimi mesi a Narni Scalo hanno indotto l’amministrazione comunale a prendere in esame il problema del disagio che sembra interessare una parte della popolazione che vive nella parte bassa della città. Per questa ragione il sindaco Bigaroni e l’assessore ai servizi sociali Mara Gilioni hanno organizzato un incontro che avrà luogo oggi alle 17 presso il “Palavis” di Narni Scalo. Il tema è “Insieme è meglio. Esperienze “con” i giovani: scenari e prospettive”. Alla riunione parteciperà anche il vescovo della Diocesi di Terni, Narni e Amelia, monsignor Vincenzo Paglia il quale ha mostrato di avere a cuore le sorti dei giovani narnesi anche in occasione della omelia letta il giorno di San Giovenale davanti ad una chiesa colma di fedeli. Sul tema del disagio giovanile, erano intervenuti con varie interrogazioni anche alcuni consiglieri comunali che chiedevano al sindaco quali soluzioni l’amministrazione intendesse trovare per tentare di avvicinare il più possibile le istituzioni al mondo dei ragazzi. Quella odierna vuole essere evidentemente una prima risposta da parte della giunta Bigaroni nell’affrontare un problema così importante e delicato. In molti, all’indomani dei tristi episodi di cronaca che hanno visto di recente protagonisti alcuni giovani di Narni Scalo scomparsi prematuramente, si sono chiesti perché certe forme di disagio sembrano essersi radicate con drammatica facilità all’interno di questa comunità. Le risposte non sono facili da dare: Narni Scalo è una realtà cresciuta in fretta, dove non c’è stato il tempo di creare le infrastrutture necessarie a favorire la socializzazione da parte della popolazione più giovane. All’incontro odierno interverranno anche i rappresentanti delle associazioni di volontariato e del mondo della scuola.

8/6/2004 ore 11:25
Torna su