Venerdì 03/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:32
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: retata dei carabinieri al Parco dei Pini, una decina di giovani accompagnati in caserma
La retata è scattata nel tardo pomeriggio. In un momento in cui al parco c’erano ancora decine di persone. Carabinieri in borghese hanno circondato la zona del Parco dei Pini di Narni Scalo, bloccando numerosi giovani che in quel momento si trovavano nei pressi. Una decina i fermati, che sono stati fatti salire a bordo di auto civetta ed accompagnati in caserma. Sembra che alcuni di loro siano stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti. I militari stanno approfondendo la posizione di ognuno dei fermati e non è escluso che scattino delle denunce a carico di qualcuno. Tra i numerosi giovani accompagnati in caserma ci sarebbero anche dei minorenni e questo confermerebbe il dilagare di un fenomeno che a Narni Scalo preoccupa molte famiglie. Il blitz dei carabinieri, che ha avuto luogo sotto gli occhi di decine di persone, è stato accolto con soddisfazione dai cittadini che segnalano da anni le varie situazioni che si registrano nel piazzale antistante il parco e gli stessi giardini. Sia di giorno che di notte la zona del parco è frequentata da gruppi di giovani che affollano il muretto che divide il piazzale dagli spazi verdi. Le lamentele di chi abita lungo via del Parco sono sempre state dovute agli schiamazzi provocati dai ragazzi, ma anche dal degrado che c’è intorno all’area occupata dai gruppi di giovani, con bottiglie vuote di birra sparse ovunque, cartacce e rifiuti. Al parco dei Pini in passato è anche capitato di trovare delle siringhe e questo è il dato più inquietante che ha spinto i cittadini a chiedere all’amministrazione comunale di migliorare l’illuminazione all’interno dei giardini ed alle forze dell’ordine di intensificare i controlli. Il fenomeno degli schiamazzi aumenta con l’arrivo della bella stagione, mettendo a dura prova i nervi di coloro che abitano lungo la via che si affaccia su piazzale Rossellini. "Molti di noi – rivela un abitante di via del Parco -, sono costretti a prendere il sonnifero per poter dormire, tanto e tale è il rumore assordante prodotto nottetempo dai giovani con le moto, gli stereo delle automobili a tutto volume e le urla continue". Maria Lanari, consigliera del Pdl chiede da anni che “siano i vigili urbani a pattugliare in modo continuo questa zona nevralgica della città, intervenendo in modo fermo laddove si manifestino episodi di una certa gravità. Il fatto che in un recente passato proprio all'interno del parco si siano verificati addirittura degli incendi di origine dolosa, lascia intendere come la situazione non sia affatto da prendere sottogamba". Gli incendi ai quali si riferisce l’esponente del Pdl si sono verificati nel 2006 e nel 2007. Sempre d’estate e sempre in danno di gazebo utilizzati quali botteghini per degli spettacoli o magazzini ove stoccare attrezzature utilizzate per feste e sagre. Fu anche fermato un uomo, ritenuto l’autore di uno degli incendi. Fatto sta che il parco dei pini di Narni Scalo di notte è un luogo poco sicuro. Dunque la retata dell’altra sera è stata accolta con piacere dai cittadini che chiedono ordine e tranquillità in quello che è l’unico giardino pubblico della zona.
19/5/2010 ore 13:48
Torna su