Venerdì 14/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: pericolo pattinatori lungo la Marattana che nei fine settimana si trasforma spesso in una "pista"
Deve piacergli troppo quella strada che considerano ormai alla stregua di una pista di pattinaggio: ampia, con lunghi rettilinei, insomma molto "comoda". Ma c'è un particolare: si tratta di una strada “vietata” e assolutamente non idonea per esercitare certi tipi di attività sportiva. Perché è risaputo che su una strada abilitata al transito di veicoli (moto, autovetture, camion e quant’altro), è vietato procedere “a bordo” di qualsiasi mezzo dotato di ruote, in modo particolare dei pattini. Il fenomeno è noto da tempo ma nessuno a quanto pare riesce a debellarlo, tanto che, soprattutto di sabato e di domenica, capita sovente di incrociare lungo la provinciale Marattana delle persone che fanno dei continui quanto repentini zig zag sui pattini a rotelle. Per dare conto ai nostri lettori che quello che ci è stato segnalato lo abbiamo verificato anche con i nostri occhi, pubblichiamo una foto, più eloquente di qualsiasi altro commento. La foto è stata scattata nei pressi della curva situata poche decine di metri prima della zona di Pescecotto (direzione Narni Scalo). I pattinatori erano in tre, anche se nella foto se ne vede uno soltanto. Il tratto della Marattana interessato dal curioso fenomeno è quello che va dal bivio per strada di Collestoppione fino all’ex stabilimento della Bosco. Un chilometro abbondante, che deve avere delle caratteristiche particolari per i pattinatori che nei weekend si danno appuntamento in questa zona. La presenza di questi “corpi estranei” lungo una strada pericolosa come la Marattana è un dato di fatto. Per fare in modo che questi individui, amanti di uno sport così bello che va però praticato in ambiti adeguati, vengano dissuasi dal continuare ad usare una strada provinciale a mò di pista, ci vorrebbero dei controlli da parte delle forze dell’ordine. E sanzioni tali da indurre questi soggetti ad esercitare il loro sport preferito in zone abilitate e sicure.
12/8/2012 ore 5:30
Torna su