Martedì 20/08/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo, parlano i proprietari del Sir William: "il nostro locale è in perfetta regola"
Riceviamo e pubblichiamo una replica fatta dall'avvocato Luca Leonardi in rappresentanza dei titolari del locale Sir William di Narni Scalo. La replica si riferisce ad un nostro servizio uscito in data 29 dicembre. "Preliminarmente - si legge nella lettera firmata dal legale - si ritiene doveroso precisare che il Sir William è aperto dal 1995 e che il prossimo 18 gennaio, compirà il suo 18esimo anno di attività. Nel corso di questi anni, esso si è sempre contraddistinto quale punto di ritrovo, aggregazione e svago, non soltanto per i più giovani, ma anche per numerose famiglie che, sovente, organizzano presso lo stesso, cene, compleanni ed eventi. Al suo interno non si sono mai verificati episodi violenti di alcun genere. Questa circostanza merita di essere evidenziata con forza, poiché, l’episodio violento accaduto recentemente nel piazzale antistante, nella sua enorme drammaticità, deve essere da tutti considerato come un episodio del tutto isolato. Il locale, nel corso della sua lunga attività, è sempre stato, e lo è tutt’ora, perfettamente in regola con tutti i permessi e le autorizzazioni richieste dalla legge vigente. Il Sir William - continua la lettera scritta dall'avvocato Leonardi - non è una discoteca, ma nel tempo, per rimanere al passo con le esigenze e le preferenze della clientela, ha saputo modernizzare il passato concetto di 'Pub', ormai completamente desueto, riorganizzando un tipo di servizio alternativo, che potesse coniugare la ristorazione di qualità, alla musica e al divertimento, questo ovviamente, sempre nel rispetto della normativa vigente e delle autorizzazioni regolarmente rilasciate dalle competenti Autorità. La formula prescelta, è quella che ormai è attuata da tutti locali che in passato erano definiti semplicemente pub. In riferimento alla presunta 'sosta selvaggia', va precisato che, non si è mai verificata alcuna 'irruzione' da parte dell’Autorità preposta al controllo della viabilità, né tantomeno, si sono mai avuti episodi di sanzionamento e rimozione di massa di veicoli parcheggiati in concomitanza con le serate organizzate dal Sir William. Episodi del genere, potrebbero essersi, forse, verificati in occasione di serate organizzate in locali limitrofi che, occasionalmente, organizzano serate in determinati periodi dell’anno, ma mai presso il Sir William. Sull’illuminazione presente nell’antistante piazzale, per chiunque abbia frequentato anche solo per una sola volta il locale, avrà potuto certamente verificare personalmente che lo stesso, non può certo definirsi “avvolto nel buio”, e che, se in tragedie di tal portata ogni interrogativo deve ritenersi legittimo, sembra almeno semplicistico ricondurre il tutto alla scarsa illuminazione. I titolari del locale hanno da subito collaborato totalmente con l’attività investigativa degli inquirenti, fornendo un apporto decisivo nell’individuazione del presunto responsabile del drammatico episodio. Per quanto riguarda l’illuminazione stradale della rotatoria - continua la lettera - posta all’altezza dello svincolo del raccordo Terni-Orte, è bene chiarire che esiste una normativa italiana UNI11248 che va a completare il panorama normativo sull’illuminazione stradale, insieme alle normative europee UNI EN13201-2 / 3 / 4, che disciplinano la materia e impongono all’Ente Pubblico proprietario/gestore della strada e al progettista, una precisa presa di responsabilità circa i parametri di progetto individuati e concordati, e le linee guida per determinare le condizioni di illuminazione di una data zona. Il Sir William - conclude l'avvocato Leonardi - , così come tutti i cittadini residenti in zona, è portatore di un interesse diretto affinché, siano effettuati dagli enti competenti e responsabili, tutti gli interventi necessari a garantire una viabilità più sicura. Approfittando della cortese disponibilità della testata che ci ospita, i titolari del Sir William e lo scrivente legale, vogliono rinnovare al caro amico Andrea un augurio di cuore per pronta guarigione. Forza Andrea, Ti aspettiamo".
(Nella foto l'ingresso del pub Sir William)
4/1/2013 ore 10:29
Torna su