Domenica 18/11/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:48
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: lo stadio "Sant'Anna" torna a nuova vita grazie alla famiglia Binnella ed alla Ditta Gubbiotti
Lo stadio "Sant'Anna" torna a vivere. Il vecchio impianto narnese tornerà presto ad ospitare delle partite di calcio, grazie alla dispomnibilità della famiglia Binnella, proprietaria dell'impianto. Lo stadio "Sant'Anna" è un impianto di primissimo ordine, con alle spalle un glorioso passato. In quello stadio si sono allenati fior di campioni e intere generazioni di sportivi. Il tutto è stato reso possibile grazie a un’iniziativa della famiglia Binnella, che è proprietaria del complesso ed ha voluto rendere omaggio alla memoria di Moreno Gubbiotti, di recente scomparso. Un accordo stabilirebbe che gli impianti del vecchio stadio situato alle spalle degli stabilimenti di Narni Scalo sia nella disponibilità della ditta Gubbiotti per alcuni anni, in comodato d’uso gratuito. L’impresa Gubbiotti provvederà a sistemare il campo di calcio, gli spogliatoi e gli spazi utilizzabili. Una volta rimodernato, l’impianto sarà messo a disposizione delle società sportive per gli allenamenti e per le partite. La finalità è quella di promuovere lo sport giovanile. Sarà uno spazio a disposizione dei giovani atleti che intendono praticare il calcio. Questo raccogliendo l’eredità di Moreno Gubbiotti, sempre molto attento e disponibile a sostenere lo sport, in particolare tra i giovani. Il complesso, con campi, gradinate e servizi è “vocato” a questa utilizzazione. E’ stato per anni la scuola del Calcio narnese e non solo. In passato ha anche ospitato manifestazioni di rilievo non solo locale, tra queste la stessa Cosa all'Anello. Quella dei promotori è di sicuro un’iniziativa meritevole, resa possibile dalla disponibilità e sensibilità della famiglia Binnella e dalla volontà della famiglia e dell'azienda Gubbiotti di non lasciar disperdere l’eredità morale di Moreno.
30/10/2018 ore 3:35
Torna su