Martedì 17/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:31
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: lo stadio "S. Anna" è in vendita, dove andranno a giocare le squadre giovanili del territorio?
E’ stato per decenni uno degli stadi più “trafficati” della conca ternana. Su quell’impianto hanno giocato squadre anche importanti, come la Narnese e le formazioni giovanili della Ternana. Quando il San Girolamo era inagibile, perché in fase di ristrutturazione, ha ospitato persino la Corsa all’anello moderna. Erano gli anni ottanta, un periodo d’oro per lo stadio “Sant’Anna” inaugurato solo qualche anno prima. Da qualche tempo questo impianto, per certi versi “glorioso” non foss’altro perché nel 1986 la Narnese vi vinse addirittura un campionato di Eccellenza, è chiuso, per volere dei suoi proprietari, che avrebbero deciso di disfarsene, mettendolo in vendita. Una decisione che ha colto di sorpresa le tante società che vi si appoggiavano, tra queste la Sgl Carbon e la Narnese. Qualcuno si sarebbe fatto avanti, sia pure timidamente, mostrando interesse per l’impianto, ma di questi tempi ci sono davvero in giro imprenditori pronti a cacciar fuori dei soldi per comprare un campo sportivo, con annessi spogliatoi e gradinata? Una domanda alla quale non è facile rispondere. Della questione è stato messo al corrente anche il sindaco De Rebotti che avrebbe fatto volentieri a meno di questa “grana” che rischia di scoppiargli in mano a poche settimane dalla ripresa dell’attività agonista di decine di squadre dei settori giovanili. Se il “Sant’Anna” non dovesse tornare disponibile prima di settembre, ben difficilmente si potrà trovare un’alternativa in zona. E le squadre giovanili di Sgl e Narnese sarebbero costrette ad emigrare chissà dove. C’è il sant’Alfio a Tre Ponti, ma non versa in splendide condizioni; altrimenti c’è il campo privato di Maratta che in quanto privato avrebbe dei costi di affitto che le società non possono permettersi, o, in ultima analisi, gli altri impianti sparsi sul territorio comunale: Capitone, San Liberato e Gualdo. Qualcuno ha avanzato l’ipotesi di proporre alla Narnese Calcio l’idea di acquistare il Sant’Anna, per realizzarci magari la famosa cittadella dello sport della quale si parla da anni. Ma gli attuali presidenti della società rossoblù se la sentono di sobbarcarsi un onere del genere? Staremo a vedere.
14/7/2012 ore 2:55
Torna su